domenica, Marzo 7, 2021

Justin Velor – 2013 – (Brutal Music, 2013)

Justin Velor debutta con un full lenght prodotto insieme a Graham Massey degli 808 State e Jez Williams dei Doves, mettendo insieme una serie di collaboratori tra i quali Gerry Love dei Teenage Fanclub, Lee E John noto come frontman di una band disco-soul notissima negli anni Ottanta, ovvero gli Imagination e infine Chris Geddes tastierista e membro storico dei Belle & Sebastian. 2013 contiene tredici tracce prevalentemente strumentali ispirate ad un’immaginario cinematico che con una certa disinvoltura oscilla tra il kraut rock più elettrico, soundscapes sintetici e una buona parte della tracklist trainata da un’incalzante via di mezzo tra  il John Carpenter di Escape from New York e una marcata tendenza italo-disco. Diversamente dal mondo immaginifico e “romantico” di Kavinsky, quello di Justin Velor preferisce colori più oscuri e una generale via di mezzo tra groove e tentazioni apocalittiche, innestando alcuni elementi di psichedelia elettrica che oltre a tradire la provenienza Mancuniana, spostano talvolta l’asse verso un tenue ricordo di quel mostro sonoro inventato dai Primal Scream primi ’90 (una per tutte, l’house “suonata” di Relance). È una questione di sfumature superficiali perchè la senzazione è che il tutto non si amalgami così bene e che rimanga un abbozzo di idee talvolta stimolanti, più spesso non troppo chiare nella direzione da imboccare; 2013 non aggiunge certo qualcosa di nuovo al mondo combinatorio e ricco di inventiva che gravita intorno a Vincent Belorgey o etichette come la Record Makers. Back to the source, l’episodio che vede ospite la voce dell’inconfondibile Lee E John,  rende bene l’idea di questo intermondo che sta in equilibrio tra nostalgia, ammiccamenti dancefloor, la Wave dei primi Yazoo e lo spleen dronico di una colonna sonora appartenuta ad un passato parallelo.

 

 

Donatella Bonato
Veneta, appassionata di tutti quei suoni che alterano la percezione, si è laureata in storia dell'arte nel 2010 e alterna la scrittura critico-musicale al lavoro per alcune fondazioni storiche.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Jon Hopkins ‘Emerald Rush’ – tra animazione e visual il nuovo, bellissimo video di Robert Hunter & Elliot Dear

Bellissimo video d'animazione quello per il nuovo "Emerald Rush" di John Hopkins. Robert Hunter & Elliot Dear della Blinkink realizzano un potente crocevia tra animazione disegnata a mano e l'esplosione di VFX organici, chimici e "live action"

Indie-eye Showreel #1 – Due Sicilie di Amerigo Verardi – Esclusiva Indie-eye: la video intervista a The DollMaker

Amerigo Verardi sceglie indie-eye per lanciare il nuovo videoclip tratto da "Hippie Dixit", album pubblicato nel 2016 da The Prisoner Records. "Due Sicilie" racconta "la prima strage di stato" rimossa dai libri e dalla storiografia ufficiale. Ad arricchire questa differente storia dell'Unità d'Italia, lo splendido video tra live action, animazione e visual diretto dalla talentuosa visual artists Chiara Chemi, in arte The DollMaker. Oltre al videoclip, indie-eye propone una speciale video intervista a The DollMaker e uno showreel dei suoi migliori lavori.

Band Bunker Club: Il giorno che tutto cambierà – il video in esclusiva

Band Bunker Club, in attesa dell'album d'esordio previsto per il 28 aprile prossimo, in esclusiva lancio e in anteprima per l'Italia il video di "il giorno che tutto cambierà"

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015