giovedì, Giugno 13, 2024

Kindness – World, You Need a Change of Mind (Female Energy/Polydor, 2012)

Nel 2009 l’allora commesso Adam Bainbridge, capellone segaligno londinese, incideva una cover di Swingin’ Party dei The Replacements e inaugurava il progetto Kindness. Miscugli in salsa retro, disco, soul e tanto pop. La ricerca del pezzo pop perfetto per Adam è un atto di amore verso la musica, come dimostra in un bagno di (auto) ironia nel recente video di House, che lo vede impegnato nel mostrare a un pupo come scocca la scintilla della composizione. Scorre tutto liscio, in questo World, You Need a Change of Mind e al primo ascolto colpisce la sinuosità truffaldina degli accostamenti. A produrre (e suonare) tra Parigi e New York è Philippe Zdar dei Cassius. Al centro ideale del disco viene riproposto un brano degli esordi su 7”, la brevissima, contagiosa Gee Up, un piccolo manifesto in chiave funk del vibrante citazionismo di Adam, un pezzo di cui vorreste voi stessi fare un remix, nato com’è per lasciarvi l’acquolina in bocca. Tutto è al posto giusto e lo si capisce fin dal magmatico rincorrersi di synth dell’apripista SEOD, o nei trainanti singoloni Cyan e House, il primo con quel suo vociare di riverberi e illusorie trame vagamente house, il secondo, un’acidula ballata di sconcertante orecchiabilità, sì, ma troppo scialba per farsi ricordare. Le cose vanno meglio quando Bainbridge decide di osare sul serio e al contempo rendere omaggio ai suoi punti di riferimento; Peter Gabriel e Prince balzeranno all’orecchio di più d’uno ascoltando le variazioni di That’s Alright, quasi un’impresa folle a paragone con gli altri brani. Stessa storia stessa freschezza per Anyone Can Fall in Love, cover della hit del 1986 di Anita Dobson: il pezzo riesce a unire il concetto di “ballad” con quello di “awkwardness”, rimuovendo il midollo sentimentale dell’originale e lasciando una fibra di ipnosi e divertimento. Bainbridge è un acuto osservatore e di certo un nostalgico collezionista di frammenti del passato. Arguto promotore di un’immagine dissacrante del cliché hipster e già a suo modo un “personaggio” (val la pena dare un’occhiata al divertente video di Gee Up), tornerà a solleticare il nostro palato, non c’è dubbio. Peccato la freschezza di World… fatichi un po’, in diacronia, a resistere agli ascolti.

[box title=”Kindness – World, You Need a Change of Mind (Female Energy/Polydor, 2012)” color=”#5C0820″]

Kindness – World, You Need a Change of Mind

Kindness in rete

Il video di House

Il video di Gee Up

Produced and engineered by Philippe Zdar | Mastered by Mike Marsh | Co-produced by Adam Bainbridge

Tracklist

SEOD | Swingin’ Party | Anyone Can Fall In Love | Gee Wiz | Gee Up | House | That’s Alright | Cyan | Bombastic | Doigsong [/box]

Giuseppe Zevolli
Giuseppe Zevolli
Nato a Bergamo, Giuseppe si trasferisce a Roma, dove inizia a scrivere di musica per Indie-Eye. Vive a Londra dove si divide tra giornalismo ed accademia.

ARTICOLI SIMILI

GLOAM SESSION

spot_img

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img