lunedì, Settembre 28, 2020

Trans Am – Thing (Thrill Jockey – 2010)

Qualsiasi cosa si possa dire sulla recente “riduzione” delle potenzialità di Kelis dentro un guscio “iperprodotto”, rimane il sospetto che il diaframma di una confezione senza possibilità di entrata (e di uscita) non sia semplicemente il risultato di una solida armatura sonora esposta in evidenza, quanto la cronica mancanza di un’idea di scrittura, ovvero ciò che manca all’ultimo lavoro dei Trans Am; oltre le volgarità assortite che per altre vie non ci avevano affatto spaventati, manifestandosi come un nuovo punto di forza per il trio del Maryland, emerge in primo piano il tentativo di rendere ancora più coeso e sintetico il loro suono, spingendo il nuovo corso verso una tipizzazione ancora più “pop”; un pop fatto però di brandelli, di oggetti sonori, di cose. Al di là delle intenzioni, è un’involuzione irritante che rende percepibile il collage, l’abbinamento schizoide, il campionario delle trovatine ad effetto; Thing mette in atto una sorta di devitalizzazione dei suoni per renderli sempre più simili a cose, elementi prelevati da questa o quella cultura; se l’operazione non si rivelasse tale e fosse animata da una certa vita, potrebbe avere la forza di mettere insieme gli arti di un immaginario popolare sul lettino di un chirurgo così da ricostruire un terrificante golem sonoro; al contrario, proiettati come sono verso le pieghe di un futuro anteriore, i Trans Am rimasticano una dinamica che è sempre stata tutto sommato la loro forza e la loro debolezza. Se a questo aggiungiamo la megalomania di dover metter dentro il più possibile, una lavorazione lunghissima, estenuante e inutile, tocca rimpiangere onesti artigiani come Vangelis, paladini di un mondo sonoro finito da un pezzo, ma per lo meno consapevoli della differenza che passa(va) tra concetto e suono.

 

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Black Atlass – Jewels: il video di Yoann Lemoine

Nuovo video di Yoann Lemoine realizzato per Black Atlass: Jewels

Nick Cave And The Bad Seeds “Jubilee Street” il video di John Hillcoat

Nick Cave and the Bad seeds, Jubilee Street il video diretto da John Hillcoat

Pivi, 119 i finalisti su 700 videoclip inviati

Sono 700 i clip che hanno partecipato al PIVI 2012 del Mei, di cui si sa già i 119 finalisti

Coldplay: Atlas – il video di Mario Hugo e Micah Lidberg

Atlas è il bellissimo video "cinetico" dei Coldplay

Gerard Way – Baby You’re A Haunted House: il video diretto da Claire Marie Vogel

In tempo per Halloween Gerard Way torna con un nuovo video diretto dalla giovane californiana Claire Marie Vogel

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015