Indie-eye – VIDEOCLIP – Storia e Critica dei Video Musicali

Gennaio 8th, 2011
Andrea Marutti & Fausto Balbo – Detrimental Dialogue (Boring Machines, 2010)

Di

Ero a un passo dal soccombere alla mediocrità dell’ennesima raccolta di brani indie-canzonettari quando sono stato folgorato dall’ascolto di Detrimental Dialogue, succulento prodotto che non a caso reca impresso il marchio della Boring Machines (casa dei Father Murphy, recentemente recensiti da questa parte). Composto a quattro mani da Andrea Marutti e Fausto Balbo, due veterani della scena sperimentale nostrana, l’album è una sorta di Behemoth industriale: 50 minuti di sperimentazioni elettroniche, suddivise in quattro lunghissime tracce. L’attitudine scostante di Balbo e Marutti è evidente fin dal booklet – giocato sui toni contrastanti del nero e del giallo – che se ne sbatte allegramente di riportare testi (quali testi?) o informazioni sui musicisti coinvolti. L’artwork, opera di Stefano “Sicksoul” Rossetti, risente piuttosto di un’estetica freak-psichedelica tardo settantiana, tanto che sembra uscito direttamente dalle pagine di Frigidaire. Musicalmente ci troviamo dalle parti di una ambient ostile e recalcitrante, che nel suo essere totalmente priva di riferimenti ritmici raccoglie tanto l’eredità cosmica dei Tangerine Dream quanto l’isolazionismo di scuola Autechre. Bando alle melodie, presenti ma limitate a rarefatti pad ambientali. Largo agli esperimenti sul suono, ai filtri, alle forme d’onda. Non si tratta ovviamente di un’opera adatta a soddisfare qualunque palato, nè di qualcosa facilmente apprezzabile al primo ascolto. Dubito quindi che verrà incensata dalle riviste di settore o inserita nella lista dei “migliori album del …” che molti recensori amano stilare. Ciononostante, si tratta di una delle cose più avvolgenti ed intense che mi sia capitato di ascoltare recentemente. Per quanto mi riguarda tanto basta. In noise we trust.

Fausto Balbo su myspace

Andrea Marutti sul web

 

Federico Fragasso

Federico Fragasso

Federico Fragasso è giornalista free-lance, non-musicista, ascoltatore, spettatore, stratega obliquo, esegeta del rumore bianco