domenica, Ottobre 25, 2020

AU – Both Lights: la recensione

Ritorna la sigla di Luke Wyland che con il suo quarto lavoro approda ad una forma post-tutto che può vantare, nella sua ansia riciclatoria, personalità e inventiva davvero poco comuni. Accompagnato da uno stuolo di musicisti comprimari, Wyland dà luogo ad una giostra impazzita con all’interno una serie infinita di suggestioni e colori, triturando e ridonando in forme inconsuete, tra gli altri,  tanto i King Crimson quanto i Tortoise, i Broken Social Scene, i Jaga Jazzist o Mice Parade; finanche Terry Reiley nelle continue reiterazioni circolari o Michael Nyman nelle marine minimaliste per piano e (si direbbe) synth di The Veil e nelle sospensioni neoclassiche per piano solo di Go Slow ed Old Friend; o addirittura Wim Mertens nelle ciclicità barocche di Get Alive. E Beirut, giacchè, quando canta Luke lo fa esattamente come Zach Condon (Crazy Idol). Il tutto ridonato in una forma assolutamente organica e funzionale ad un formato avant pop che è comunque peculiare e nulla ha a che fare con gli accostamenti azzardati e, francamente, senza respiro di Mr. Bungle (se qualcuno ne parla ancora…) e simili.

L’attacco ipercinetico di Epic riporta alla mente lo Ian Williams ai tempi gloriosi dei Don Caballero, dove la matematica filtra frippertronics emotivi supportati da archi in crescendo, in una mescolanza di toni freddi e caldi, con in nuce un tropicalismo che nell’economia del disco è un fiume carsico che riaffiora più e più volte. Sino a rivelarsi, poi, del tutto nella caotica samba mutante OJ, che tra organetti distorti, tiratissime scale di piano e ritmiche sintetiche, dice Tom Zè (circa Danç-Êh-Sáad o Estudando O Pagode) ad ogni nota. Solid Gold è invece una teoria post-post-rock su base afro disco che riporta alla mente i poco celebrati, ma assolutamente da riscoprire, Remember Remember coi quali la band di Portland ha più di una similitudine. Don’t Lie Down chiude egregiamente essendo un gospel cosmico a battuta lenta, per chitarra blues, organo, voci angeliche ed accenti marziali di batteria.

Both Lights è un disco spiazzante, tendente ad una sana confusione, che finge continuamente di contraddirsi, creando invece un dialogo continuo tra micro e mega, vuoti e pieni; sostenuto da una struttura interna coerentissima, che richiede attenzione per essere riconosciuta ma capace anche di catturare a primo ascolto. Ossimorici.

Alessio Bosco
Alessio Bosco
Alessio Bosco - Suona, studia storia dell'arte, scrive di musica e cinema.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Tribuna Ludu – Erinni: l’horror corpo-a-corpo di The Factory prd.

Erinni è il nuovo videoclip dei Fiorentini Tribuna Ludu realizzato da The Factory prd.

Lana del Ray, Tropico: ecco il video integrale di Anthony Mandler

Eccolo Tropico, l'atteso cortometraggio scritto da Lana Del Ray e diretto da Anthony Mandler; dura 27 minuti ed è un insostenibile polpettone

Mariam The Believer – Bodylife: il bellissimo video di Ylva Henrikson

Uno dei più bei videoclip degli ultimi anni. Mariam Wallentin aka Mariam The Believer è tornata per promuovere il suo secondo album, "Love Everything" e lo fa con una danza che coinvolge anche l'aspetto più nascosto di una vita corporea. Pulsante ed emozionante, il video è diretto dalla svedese Ylva Henrikson

Gli Athene Noctua e À propos de Nice di Jean Vigo: Boreal Lotus, il video in anteprima esclusiva

Boreal Lotus è il nuovo video degli Athene Noctua in anteprima esclusiva su indie-eye. Il brano è tratto da Others, il nuovo album della band piemontese

Georgia – Heart Wrecking Animals di Kate Moross: apologia del fuori fuoco

Kate Moross osa con un video completamente fuori fuoco: Heart Wrecking Animals per Georgia

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015