martedì, Settembre 29, 2020

Les Baxter – Jewels of the sea (Cherry Red, 2012)

Da Ravel a Les Baxter c’è un salto che non è solo temporale ma legato anche al consolidamento di un mood che diventa mercato. Con il musicista Texano diplomatosi al conservatorio di Detroit, l’intarsio di elementi esotici impatta sulla superficie Hollywoodiana e ne preannuncia sviluppi, indica strade, codifica quel sound che sarà archiviato sotto il nome di “Exotica”, etichetta che per certi versi non renderà del tutto giustizia al talento visionario del compositore Americano, uno dei pochi capaci di uscire dalle alchimie ingegneristiche del genere grazie ad un linguaggio popolare che nascondeva una stratificazione di senso molto complessa, senz’altro oltre l’idea di semplice abbellimento.

Cherry Red ristampa uno dei capolavori di Baxter e forse uno degli episodi più romantici e allo stesso tempo oscuri della sua discografia. Registrato nel 1961 per la Capitol, Jewels of the sea condensa la sperimentazione tribale di lavori come Tamboo! e African Jazz, dialogando a distanza di dieci anni con quel Ritual of the savage, lavoro di Baxter tra i più influenti per tutta una “space age” che erediterà numerose suggestioni fino a Sun Ra.

Jewels of the sea è la versione probabilmente più visionaria dell’eredità Baxteriana, una sorta di “cathedrale engloutie” espansa, un’avventura acquatica che per certi versi spettacolarizza l’impressionismo Debussyano e lo traghetta verso un’esperienza di sogno che fa il paio con l’immaginario cinetico delle produzioni firmate da James Nicholson, padre dell’American international Pictures, casa di produzione per la quale Baxter lavorò a lungo e che fuori dai riferimenti filologici potrebbe comunque evocare un mondo parallelo di immagini sottomarine, da quelle di Rossellini fino a  Painlevè, preconizzando ovviamente tutti gli inabissamenti del cinema contemporano, da Zemeckis a Burton, da Jane Campion a Wes Anderson.

Non è un caso che l’esplosione romantica più forte, quella dischiusa dalla title track, altro non sia che una nuova versione di “Katia’s Theme“, brano composto per la colonna sonora di Black Sunday, la versione americana distribuita dalla AIP de “La Maschera del Demonio“, film diretto da Mario Bava un anno prima. Tra eco percussive, un’elettronica non invasiva, un amore strutturale per le combinazioni del minimalismo che anticipano i suoni e l’amore che dimostreranno verso Baxter, musicisti come Loop Guru, David Toop, Robert Fripp, Brian Eno tanto per citarne solo alcuni, Jewels of the sea procede affondando in una dimensione liquida del suono, miscelando grande drammaticità e i ritmi di un continente perduto come segni di un passato che cova sotto la coltre orchestrale; in questo senso è difficile comprendere la cultura etnomusicale di Baxter senza fare i conti con la ricerca di Aaron Copland e quella tra sperimentazione e popular music di Marius Constant; Baxter traspone le loro ricerche in una dimensione prettamente visionaria e cinetica, non rinunciando all’impatto spettacolore ma senza lasciare indietro l’incedere minimale più ossessivo e radicale, basta ascoltare la forma descrittiva e allo stesso tempo acusmatica di Sunken City, traccia opalescente e oscura, prismatica e inquietante.

L’edizione Cherry Red di Jewels of the sea, include, oltre alle 12 tracce originali dell’album Capitol una sorta di enciclopedia Baxteriana, con alcuni estratti da The Sacred Idol, inciso un anno prima e ancora più indietro nella discografia del compositore Americano, Ports of Pleasure del 1957 e il seminale Tamboo! del 1954, tracce utili per ripercorrere molte vite tra quelle di Baxter, inclusa quella legata alla ricerca sonora che gli consentì di inventarsi suoni e atmosfere per la “mostruosa” Yma Sumac.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Olga Bell – Tempo, lo streaming in esclusiva su indie-eye

Tempo, il nuovo album dell'artista di origini russe Olga Bell in esclusiva streaming per l'Italia su indie-eye

2NE1 – Gotta Be you – il video di Han Samin

Nuovo video per la k-pop band delle 2NE1, tra pop e optical art

Big Sean: Ashley, il video diretto da Ellis Bahl

Nuovo video per Ellis Bahl; Ashley, diretto per Big Sean, è un bizzarro e cruento noir

Heartsrevolution – Ride or die: il video di Kate Moross

La talentuosa illustratrice londinese Kate Moross realizza il video per Heartsrevolution: Ride or die

Lofty305 x Torus – Echosexxx: il video supersexy di Clément Oberto

Echosexxx è un video Sexy ma etico, secondo le parole di Clèment Oberto che lo ha diretto

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015