mercoledì, Ottobre 21, 2020

Rachel Grimes – Book of leaves: recensione

La prima raccolta di brani inediti composti da Rachel Grimes dopo i sei anni di silenzio che separano l’ultima uscita come Rachel’s colpisce per brevità; la forma dilatata di album come The Sea and the bells, Selenography e il primissimo Handwriting lascia il posto ad una serie di bozzetti che raramente superano i tre minuti. In un certo senso i due episodi Rachel’s che più si avvicinano a Book of Leaves sono Music for Egon Schiele per il suo impatto minimale e System/layers per la riduzione della forma melodica ad un sistema vero e proprio di stratificazioni e di evocazioni astratte. Ovvio che il suono sia diverso e che l’indicazione “for solo piano” posta in calce al titolo dell’album sia un segnale molto chiaro di riappropriazione di un comporre intimo e personale. Le tracce contenute all’interno di Book of Leaves hanno visto la luce in una versione embrionale nel progetto filmico di Greg King, un sistema ciclico composto da 14 cortometraggi, realizzato in formato ridotto come se fosse un viaggio puramente percettivo, una meditazione del tutto personale sulla vita urbana tra Louisville e NYC.

Questa suggestione visionaria rimane attaccata alle quattordici tracce di Book of Leaves, dove l’anima dei Rachel’s è riproposta per sintesi senza abbandonare la forza di una scrittura che sta a metà tra stupore melodico e pittura interiore. Non è difficile abbandonarsi all’evocazione lieve di “the corner room”, episodio sontuoso ed essenziale che fa da preludio all’evanescenza di “She Was here”, esempio fulgido di una struttura compositiva fatta di interruzioni, pause, rapporto dinamico tra pieni e vuoti che nella discografia dei Rachel’s raggiungeva un effetto apparentemente più potente grazie all’impiego di volumi diversi. La forza di Book of Leaves sta allora in questa maggiore semplicità che è anche radicalità e aderenza ad una scrittura rigorosa e allo stesso tempo ellittica; è il caso della funebre “On the Morrow”, della Mertens-iana “My Dear Companion” oppure della risonanza dilatata di “Far Light”, una luce nella nebbia che prende spunto dalla lezione di Satie. Tutta la forza drammatica che attraversava alcuni episodi del vecchio repertorio sopravvie nella sua cristallina nudità in tracce come “Bloodroot” e “the side view”, composizioni agli antipodi ma capaci di delineare uno spazio sonoro in continua tensione, nel primo caso con un incedere rutilante, mentre l’altra traccia disegna delle ellissi astratte e visionarie. “Every Morning, Birds” e “Bed of Moss” chiudono la prima raccolta solista di Rachel Grimes con una forza impressionista capace di dipingere i suoni della natura con colori scuri e limpidi.

 

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Fabio Furnari – La Mano Destra: il videoclip in anteprima esclusiva

Fabio Furnari pubblica il secondo videoclip dal suo ultimo lavoro intitolato "Oggi niente pasto". "La mano destra" è un brano che risale al '93 ma rinnovato per l'occasione. Indie-eye presenta in esclusiva italiana il video diretto da Simone Durante

Cara Dillon – Shotgun Down the Avalanche: il video di Matthew Lawes

Matthew Lawes dirige il nuovo video di Cara Dillon: Shotgun Down the Avalanche

One Camera man Band: Caveiras, Arabia Saudade, Elettrocapra e Il Cloro nel nuovo format video di Indie-eye

Caveiras, Arabia Saudade, Elettrocapra e Il Cloro inaugurano "One Camera Man Band dal 17-09-2018. Tutti i dettagli

Liima – Roger Waters: il video di Plastic Zoo

Nuovo singolo per i Liima e nuovo video diretto per loro dai mancuniani Plastic Zoo

Padre etilista e figlio transgender nel video di Night Beds: Ramona

Nuovo bellissimo video per Night Beds diretto da Abraham Vilchez-Moran, Ramona è la storia di un padre etilista e del figlio transgender

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015