domenica, Settembre 27, 2020

Hanni El Khatib: Will The Guns Come Out

Ascoltare Will The Guns Come out è come scivolare all’interno di un bicchiere di whiskey e da lì vedere mettersi in moto scene rubate da pellicole western, frammenti anni ’50, brillantina e gonne a palloncino dal sapore American Graffiti.

L’album è il risultato di molteplici ascolti e influenze che hanno segnato il percorso dell’artista il che, se da un lato rende le tracce estremamente corpose e suggestive, dall’altro s’arrischia nel territorio del pastiche. Nonostante ciò, pezzo dopo pezzo, quello che suona come unico collante dell’album è la grande passione e dedizione di Hanni per le sei corde. Accompagnato alla batteria da un amico del liceo, Hanni El Khatib è attualmente è impegnato in un tour in Nord America che l’ha portato a suonare a fianco di Florence and The Machine in due occasioni. 

Dead Wrong è un’emanescenza degli anni ’50, traccia che per testo e ritmo richiama vecchi pezzi alla Sam Cooke; brano fresco e cadenzato da un mai desueto handclap e da un coro che dà vigore al ritornello. Segue una cover di un classico blues di Clarence Williams del 1931, You Rascal You, pezzo riletto al modo dei Black Keys con sonorità più cupe e per certi versi più aderenti al significato del testo. È il turno di Build. Destroy. Rebuild in cui Hanni si lancia in un garage rock stile The Sonics: un canto matto e disperatissimo unito alla chitarra sferragliante di sottofondo. Infine Loved One, poco più di due minuti di canzoni per un giro d’accordi vincente per quanto ripetitivo.

L’album è un buon inizio di spavaldo garage rock che lascia sperare nei successivi sviluppi, forse, indirizzati verso un’estetica meno contaminata da molteplici influenze e più definita nello stile.

 

Giulia Bertuzzi
Giulia Bertuzzi
Giulia vede la luce (al neon) tra le corsie dell'ospedale di Brescia. Studia in città nebbiose, cambia case, letti e comuni. Si laurea, diventa giornalista pubblicista. Da sempre macina chilometri per i concerti e guadagna spesso la prima fila.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Contenders: Easterhouse e Derek Jarman

Nel 1986 Derek Jarman dirige due video per promuovere "Contenders", lo splendido debutto sulla lunga distanza degli Easterhouse, uno degli album più intensi e allo stesso tempo isolati del post-punk britannico. "Whistling in the Dark" e "1969", girati in Super 8 come altre clip dell'artista inglese, vomitano colori e impressioni di un nuovo ordine poetico nel corpo della città contemporanea, resistendo al percorso elettronico dell'immagine televisiva.

The Chemical Brothers – Believe: il video ufficiale di Dom & Nic

Il video di Believe per The Chemical Brothers diretto da Dom & Nic

The Defiance – Rise, Il videoclip: L’occhio documentaristico di Joe Bastardi

Joe Bastardi, autore di documentari e cortometraggi è un nuovo talento sardo da tenere d'occhio.

††† (Crosses) – The Epilogue: il video di Raul Gonzo

Nuovo video per la band di Chino Moreno, il bellissimo "The Epilogue" girato da Raul Gonzo

Portfolio – To the right: il videoclip in esclusiva

"To the right" seconda traccia da DUE, l'album dei Portfolio uscito recentemente. Il video è in esclusiva lancio su indie-eye.it a partire da oggi

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015