sabato, Settembre 26, 2020

Jess Bryant – Silvern (Red Deer Club, 2012)

Dopo due anni di sperimentazioni in studio esce per l’etichetta di Manchester Red Deer Club l’atteso debutto di Jess Bryant, polistrumentista e cantautrice di Londra già nota ai lettori di Indie-Eye dal lontano 2006. Nel 2009 non ci era sfuggito l’EP Dusk e ora Silvern arriva a confermarci la statura dell’artista. La matrice folk della musica di Bryant è messa a servizio di plurime contaminazioni, su tutte la musica classica e il cinema. Molte sono anche le suggestioni letterarie, Paul Auster e Haruki Murakami tra gli autori dichiarati. Jess definisce efficacemente il suo operato “dark cinematic folk”, ma, occorre dirlo, non c’è nulla di strettamente derivativo in queste nove tracce magistralmente confezionate: nel panorama attuale Jess ha ricavato per sé una piccola nicchia, un misto di sontuosità e inquietudine che hanno sì del dark e del cinematic, ma che, grazie ai ricchi arrangiamenti e allo splendido lavoro sulla voce, si guadagnano un’attenzione tutta particolare. Se c’è un accostamento, tanto facile quanto indubitabile, su cui vale la pena soffermarsi è quello con Shara Worden, per cui Jess ha suonato in apertura di due concerti londinesi nel 2008 e nel 2011 e che ha già avuto modo di pronunciarsi con lodi sperticate a favore della collega. Le visioni spettrali di Jess, un mondo fatto di oracoli, fantasmi e premonizioni, attingono sì al soprannaturale, ma con pacatezza e una matura serenità: un dark folk più baldanzoso che cimiteriale, in cui la voce della narratrice non finisce mai per perdersi, ma che anzi riesce a dominare abilmente con la purezza delle sue armonie o nel ricorrente humming di sottofondo (Oracle Night, l’accessibile The Glance). I frequenti sbalzi vocali mantengono sempre una notevole eleganza, restituendo al suo folk grande profondità, senza ricorrere agli espedienti impiegati dalla scuola weird. A lamentarsi sono semmai le chitarre dell’ultimo minuto di Quiet Beauty, o gli imprevedibili tamburi che vengono a scompigliare la dolcissima trama di Stone Lady. Gli arrangiamenti d’archi, scritti a quattro mani con Daniel Lea ed ispirati tra gli altri ai lavori di Steve Reich, imperversano su tutto il disco, irrobustiti da un largo impiego di fiati e frammentati da un uso coraggioso e costante delle percussioni. I ritmi stratificati del batterista Paul Cook si ispirano a Moondog e ora passeggiano in notturna nella meravigliosa Oracle Night, ora soccombono al vibrafono, altro ospite fisso del disco, specie nell’accattivante singolo di apertura Cutting o nella splendida Molten, in cui si aggiunge con garbo a un piano appena percepibile, agli archi e ai cori, ricreando suggestioni che nulla hanno da invidiare alla sensualità di Vespertine. Silvern, che ci congeda con la scarna Gravity & Grace, è un piccolo capolavoro di robusto songwriting, di gusto ed equilibrio formale. Vi piacerà contemplarlo e tornare a consumarne i dettagli. Nota per gli amanti del vinile: il 12” sarà disponibile in sole 300 copie.

[box title=”Jess Bryant – Silvern (Red Deer Club, 2012)” color=”#5C0820″]

Jess Bryant – Silvern

Jess Bryant in rete

Jess Bryant su Soundcloud

Acquista silvern sul sito di Red Deer Club

Recorded at Golden Hum | Produced by Daniel Lea | Music & Words by Jess Bryant | Photography by Emily Dennison

Tracklist

Cutting | Quiet Beauty | In Deepest Blue | Oracle Night | Stone Lady | Molten | The Glance | The Sea Is Asking | Gravity & Grace [/box]

Redazione IE
Redazione IE
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it || per l'invio di comunicati stampa devi scrivere a cs@indie-eye.it

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Luca Maris, “e tu mi basti” è il nuovo videoclip

Nuovo singolo e nuovo Videoclip per Luca Maris

Lone Wolf, il video di Keep your eyes on the road, un omaggio a Sledgehammer di Peter Gabriel

Keep Your Eyes On The Road, il singolo di debutto di Lone Wolf è un video-omaggio a Sledgehammer di Peter Gabriel

Giuseppe Capuana, il sangue di giuda: l’album e il video

Il sangue di giuda è il primo estratto che da il titolo al nuovo album di Giuseppe Capuana

††† (Crosses) – The Epilogue: il video di Raul Gonzo

Nuovo video per la band di Chino Moreno, il bellissimo "The Epilogue" girato da Raul Gonzo

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015