sabato, Settembre 26, 2020

La musica di Jess Bryant

jess_bryant.jpgIf you can see the front and back, it means that you, the viewer, are in the picture….(you) are not a voyeur looking from a distance…(you’re) participator
(Hockney on Photography)

Jess Bryant è cresciuta in mezzo ai suoni della cultura musicale classica suonando violino e pianoforte fin da bambina e avvicinandosi alla chitarra dai 15 anni in poi, probabilmente per la necessità di creare una deriva creativa dal suo percorso di studi. Difficile stabilire quando ha cominciato a sviluppare il personalissimo songwriting che anima la sua musica, più semplice la verifica attraverso la rete dei numerosi concerti a cui Jess ha partecipato, da sola o come sostegno al progetto collettivo Mandala, la folk band di Neil Rhys Marsh dove Jess presta voce e Zither, strumento che pur non essendo presente nelle sue composizioni, ne dischiude una delle letture possibili, in bilico tra percorsi musicali, culturali, percettivi, che collidono. I Brani di Jess Bryant che ci è capitato di ascoltare, sono tutti presenti sul profilo myspace ufficiale, al momento l’unica stazione di transito per incontrare i suoni di questa straordinaria songwriter Londinese, la cui appartenenza all’universo disseminato del folk può essere definita solo a partire dalle violazioni della forma che il suo talento vocale mette in atto. In un viaggio psicometrico che ci costringe a percorrere tempi eretici, la tradizione di Jess è quella sfiorata da Peter Hammill o da Shara Worden, dove il sistema compositivo non regola tutto, ma è un’esca per qualcosa, venatura che spacca la porta del tic generico. La flagranza delle registrazioni, anche in termini strettamente timbrici e qualitativi, azzera la sovrimpressione (a tratti perfetta) percepita come trucco, e rintraccia nell'(im)perfezione la forza di un riverbero naturale, di un sustain sovrumano che alloca la voce in una posizione predominante, oltre la performance e totalmente dentro le increspature dell’abisso compositivo. Ghost of our love è la prima traccia che parte in automatico dal player integrato; brano spettrale e annichilito nel tempospazio come lo storytelling dei Faun Fables, muove il livello d’attenzione sull’intreccio vocale grazie alla cronometria di una chitarra essenziale e tagliente, e sorprende con un sospiro che gioca sulla presenza e la presa diretta: this is the ghost of our love, con(tro) un sustain che potrebbe essere infinito. Se Hand That Rocks the world è mise en scène dello stesso dolore apocalittico, condotta con una potenza corale e spiraliforme davvero unica, Forest ha la dolcezza desolata del folktale di Peggy Lee, conciso e chiuso in un piccolo guscio, esce dalla durata (tre minuti scarsi) grazie ai percorsi modali che sembrano i preferiti da Jess Bryant, se non fosse per Hides in Rain, brano registrato dal vivo e che sfrutta un riverbero naturale/artificiale lanciato verso un soul oscuro e vibrante. Jess bryant è artista su cui scommettere;i brani citati in questo articolo sono scaricabili dalla pagina www.myspace.com/jkcbryant

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

DOG DAY – you won’t see me on sunday 3D – video

You Won't see me on sunday è uno dei video in rotazione tratti da Concentration, l'ultimo album dei Dog Day, tredici gemme di indie pop senza troppi compromessi...

Copycat Club – Ganz Berlin: il video di Riccardo Torresi

Riccardo Torresi, artista mediale stanziato a Berlino, realizza un bel videoclip di animazione per il progetto Copycat Club.

Franco Battiato – Torneremo Ancora: la dimensione del sogno

Disinteressati alle polemiche da clickbait che ammorbano il giornalismo italiano, ormai totalmente "abusivo" nello svolgimento di una funzione culturale sempre meno specifica, non ci soffermeremo sullo stato di salute di Franco Battiato, perché quello creativo e spirituale è ancora di grande livello. Un sincretismo rarissimo, in un panorama complessivo che ancora si nasconde dietro lo scudo distruttivo delle utopie modellate sui bisogni della società di massa. Su "Torneremo Ancora"

KAOUENN – Black Owl – il videoclip della Naso Film in esclusiva su indie-eye

Black Owl introduce il debutto di KAOUENN con un video diretto dalla Naso Film, tra grafica, cgi e spazio performativo, il collettivo milanese interpreta l'elettronica oscura e deviata di questa misteriosa entità notturna.

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015