lunedì, Settembre 28, 2020

Lavender Diamond: The Cavalry Of Light

becky starkIn questa bulimia musicale che ci affligge e ci sorprende ad accumulare suoni e variabili del rumore che spacciamo per inediti, simulando e beffando quasi sempre, la ripetizione di qualcosa che possiamo finalmente riconoscere ci tira fuori da questo ridicolo delirio. I Lavender Diamond e soprattutto la voce di Becky Stark hanno fatto a pezzetti il mio cuore nelle ultime ore in cui winamp è stato costretto ad un repeat spietato; e questo perchè il folk senza tempo di questo combo suona come qualcosa di familiare e allo stesso tempo (im)possibile. Se Eureka di Jim O’rourke potesse essere considerato anche solo per un momento come un dispositivo ingenuo, i contorni del suono di Lavender Diamond uscirebbero dai margini di un qualsiasi frame.  Becky ha il mood di un soprano, la forza di Kate Bush e la capacità narrativa delle grandi Chanteuse come Nico o Karen Carpenter , e sono consapevole del rischio di servirmi di icone, quindi di segni troppo definiti, cosi da preferire il suono impermanente della musica e della voce di  Linda Perhacs come immagine/riferimento impossibile degli anni ’70. Chiunque si trovi ad ascoltare un album come Parallelograms può correre il rischio di sperimentare  una forma di sospensione e di vuoto atemporale molto simile alla visione di un film come Badlands; l’incubo di una traccia che è marcatamente vicina alla rappresentazione di una cultura, di un tempo storico, e che al momento di essere troppo aderente al suo oggetto, se ne distacca perforandone i limiti. In un’intervista rilasciata al LA Weekly, parlando della sua tecnica vocale Becky Stark, nell’apparente semplicità delle sue parole, ha parlato proprio di quest’epifania di fantasmi, riferendosi  alla tecnica vocale che utilizza come ad un lavoro di produzione del suono che deve tendere verso qualcosa che trasmetta gioa; 

quando suono, è come se in realtà cantassi senza utilizzare la chitarra, per via del mio tocco quasi invisibile, essenziale. Questo mi fa sentire come se suonassi la musica stessa, o per lo meno si crea questa illusione. Posseggo solamente una chitarra, me l’ha regalata mia madre; è una Dime-store costruita in giappone nel 1970; era nella soffitta di mia madre, quando lei ha traslocato. […] Comunemente non pensiamo al suono come materia; ma è così e penso si tratti del nostro modo di comprenderci come finiti. L’apocalisse è la fine della coscienza limitata; che è quello che stiamo sperimentando adesso; quindi, perchè aver paura della nostra natura infinita?

I lavender Diamond operano a Los angeles, sono un quartetto composto dalla chitarra di Jeff Rosenberg (il transfuga dai Young People), la tastiera di Steve Gregoropolous e le percussioni di Ron Rege Jr. Il loro folk da camera conduce verso lo stupore, e dal loro Ep di debutto, The Cavalry Of Light, Indie Eye vi propone il download di una serie di brani disponibili sul sito ufficiale della bandm tra cui una traccia di Becky Stark tratta dal suo album solista, Artifacts of the Winged.

Scarica i Brani di Lavender Diamond e di Becky Stark 

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Miniboone, il video di I Could, I Could

I Could, I Could anticipa il full lenght dei MiniBoone, quartetto newyorchese indie-punk

Nada – Non sputarmi in faccia: il singolo e il video

Non sputarmi in faccia, il nuovo singolo di Nada, guarda il video

Videoclip, la rubrica di indie-eye musica dedicata ai creativi e ai videomaker

La rubrica di indie-eye dedicata alla prassi del videomaking

Olga Bell – Tempo, lo streaming in esclusiva su indie-eye

Tempo, il nuovo album dell'artista di origini russe Olga Bell in esclusiva streaming per l'Italia su indie-eye

Schall & Schnabel: arte pop e video musica nell’era digitale, l’intervista

Dietro la sigla Schall & Schnabel si nascondono Eileen Huhn e Pierre Horn, due formidabili creativi di stanza in Germania. L'intervista

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015