giovedì, Ottobre 1, 2020

Nina Nastasia – Outlaster (Fat Cat, 2010)

Nina Nastasia continua a riaggiornare il suo songwriting spostando volumi e cambiando di volta in volta l’impatto orchestrale; dopo l’episodio con Jim White, si lascia dietro la forza violenta e feroce di un vestito applicato alla sua scrittura e affronta quella che è probabilmente la raccolta di canzoni più crepuscolari da lei realizzate. Coadiuvata da Paul Bryan (Grant Lee Buffalo, Aimee Mann, Mavis Staples, Lucinda Williams) nell’adattamento orchestrale dei brani condotto insieme al compagno Kennan Gudjonsson, per il suo ultimo lavoro ha affidato la sezione ritmica al batterista Jay Bellerose (T-Bone Burnett, Joe Henry e già con la Nastasia in “The Blackened Air” e “On Leaving”) e una chitarra quasi invisibile nell’impasto generale, ad un maestro del tocco come Jeff Parker dei Tortoise. Outlaster sembra assorbire la scrittura folk in un viaggio possente dentro e fuori i confini della tradizione, a differenza della magniloquenza di Leave Your Sleep, l’ultimo capolavoro di Natalie Merchant, il tentativo non è certo quello di rendere percepibili i limiti territoriali e le loro radici, quanto quello di far confluire torch songs, gli Appalachi, Old time vaudevilles, la polvere di un antico tango balcanico, entro un contesto che ha certamente la concisione di un potente chamber pop, ma che utilizza l’orchestra anche per lavorare con-tro la narrazione, tessendo percorsi astratti, evocativi e visionari. E’ sufficiente l’attento ascolto di una traccia come la splendida What’s Out There, brano che affonda nel passato e che riemerge nella violenza dramaturgica e figurativa degli archi; prima un flusso, poi una tempesta che disassembla tutti gli elementi in una visione senza tempo. Una magia che non cede mai il passo e che si ripropone ad ogni episodio; Outlaster in questo senso anela in modo fortissimo alla visione, proprio per un’intima essenza sonora che non è quasi mai abbellimento, come troppo spesso capita rovinosamente ai progetti che cercano di colmare con il pieno degli arrangiamenti, i vuoti della scrittura. Se si prende A Kind of courage, ci si accorge come la linea vocale di Nina, quasi al limite della spaccatura, sia un riverbero di linee e percorsi allusi dal tessuto orchestrale; è sempre una questione di pieni e di vuoti, ma in un contesto dalla rara forza dialettica; davvero uno dei lavori migliori della songwriter di adozione Newyorchese.

Nina Nastasia su myspace

Guarda il video di Cry, cry baby nella rubrica Videoscopio di indie-eye REC

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

FAN – Velour – il video diretto dal geniale Joseph Baughman

Nuovo video per il geniale Joseph Baughman, questa volta realizzato per i FAN, alla vigilia del loro debutto su Polyvinyl

Boy oh Boy! di Diplo e GTA – il video partecipativo è online

È online il video di Boy oh Boy! di Diplo e GTA, realizzato con contributi partecipativi pubblicati su Vine

Joji – Window – il nuovo stupefacente videoclip di BRTHR

BRTHR uno dei nomi più creativi e innovativi nell'ambito del video musicale

Hazey Tapez, Ashtray- il video

Ashtray è il video che promuove il primo Ep dei fiorentini Hazey Tapes e si propone di arrivare anche alle persone affette da sordità

Cornershop – Supercomputed, il video di Justin Rhodes

Nuovo video dei Cornershop tratto dal full lenght Cornershop & The Double ‘o’ Groove

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015