giovedì, Ottobre 1, 2020

Ólöf Arnalds – Innundir Skinni (One Little Indian, 2010)

Il secondo album di Ólöf Arnalds, Innundir Skinni (tradotto “sotto pelle”) giunge a tre anni dal crepuscolare debutto Við og við, accolto con entusiasmo dalla critica di tutto il mondo nonostante l’iniziale debole diffusione e già considerato un piccolo miracolo indie-folk in Islanda, dove Ólöf compartecipa alla fervente ondata di ispirazione musicale della sua generazione. Prima di imbarcarsi nella recente produzione solista Ólöf ha preso parte a numerosi progetti in madrepatria, oltre ad aver accompagnato in tour i Múm a partire dal 2003. A conferma del clima collaborativo e ispirato del contesto islandese è la rinnovata produzione di Kjartan Sveisson, alle tastiere nei Sigur Rós e la presenza nel disco, tra i meno noti, della stessa Björk, con cui Ólöf duetta nella splendida Surrender. Le delicate trame della sua scrittura restano affidate a una strumentazione acustica e alla voce cullante, capace qui di farsi più zuccherina e persino gioiosa rispetto alle sfumature di grigio impiegate nel debutto, sul cui sfondo rifletteva la morte del padre. Innundir Skinni prende vita anche dall’esperienza di gravidanza dell’artista, cui si riferisce esplicitamente il titolo. La spensierata Vinur Minn parte come una semplice melodia canticchiata in solitaria e si trasforma in un corale sing-along orchestrato alla perfezione, germogliando spontaneamente come una scena da musical. La title-track è il picco intimistico del disco: la voce vespertina di Ólöf si adagia su un letto di ovatta, accompagnata dalla sola chitarra e da flebili cori. In Crazy Car,in duetto con Ragnar Kjartannson, compare l’inglese, con cui Ólöf cerca di dissuadere un’amica musicista a cercare successo in America, intessendo una fugace cantilena malinconica. Nel prosieguo dell’album fanno la loro comparsa riferimenti a radici folk disparate: Vinkonur echeggia la Cina e trasale in momentanei gorgheggi, Jonathan finisce in territori celtici, Madrid recupera un’atmosfera mesta da fado e dialoga con gli archi come mossa da un oscuro presentimento. Surrender è certo uno degli episodi più notevoli ed è la curiosa unione con la voce di Björk, neanche a dirlo,a costruire la tensione. Il timbro tagliente di Björk e i suoi riconoscibili acuti accompagnano il mandolino mentre Ólöf incanta l’ascoltatore facendolo regredire al grembo materno (“I carry you, I nurture you, I give birth to you”, dice nel testo).  Il disco si chiude con Altt i Gudi, una corsa leggiadra e sospirata verso scenari luminescenti. Innundir Skinni allestisce con grazia atmosfere minimali non prive di spunti imprevedibili. Ólöf dimostra classe e misura, facendo delle sue piccole canzoni accoglienti rifugi per lasciarsi incantare.

Ólöf Arnalds su myspace

Giuseppe Zevolli
Giuseppe Zevolli
Nato a Bergamo, Giuseppe si trasferisce a Roma, dove inizia a scrivere di musica per Indie-Eye. Vive a Londra dove si divide tra giornalismo ed accademia.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Tesla Boy – Nothing: il video diretto da Ryan Patrick

il nuovo video dei Tesla Boy diretto da Ryan Patrick. Nothing è una bizzarra seduta psicoanalitica con massacro finale

The 1975, il video di The City diretto da Tim Mattia

Il nuovo video di TIm Mattia è The City, realizzato per la band mancuniana The 1975, i dettagli...

Kittone! Sivan Kidron dirige un capolavoro d’animazione per Kaho Nakamura

Sivan Kidron, straordinaria animatrice 2D, dirige un vero e proprio capolavoro per la postar giapponese Kaho Nakamura. Kittone!

Amycanbe – 5 is the number, il video di Bruno Mathé in esclusiva su indie-eye

"5 is the number" è il nuovo singolo tratto da "Wolf" dal terzo full lenght degli Amycanbe. Ma è anche un doppio video per una sola canzone. Il primo realizzato da Bruno Carnide e già in circolazione, il secondo diretto da Bruno Mathé e presentato per la prima volta in esclusiva su indie-eye a partire da oggi. "5 is the number" si avvale del missaggio del grande Mark Plati

Findlay, off and on, garage e sexy

Findlay viene da Manchester, ha pubblicato un singolo e un dieci pollici, off and on è il suo nuovo video...

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015