domenica, Settembre 20, 2020

Sara Lov, l’intervista

Sara Lov, in libera uscita dai Devics, è passata dall’Italia per far conoscere le canzoni del suo esordio solista “seasoned eyes were beaming”, recensito da questa parte su Indie-eye Network. L’abbiamo incontrata dopo il suo emozionante concerto milanese, ultima data del mini-tour. Ecco cosa ci ha raccontato.

Benvenuta su Indie-Eye. Abbiamo ascoltato il tuo esordio solista “seasoned eyes were beaming” e l’abbiamo trovato davvero interessante e molto bello. La prima cosa che abbiamo notato è l’evoluzione verso un songwriting sempre più maturo, in cui si può vedere la continuazione del percorso fatto coi Devics, che si era già in parte spostato verso canzoni con maggiori legami col folk e con influenze più varie. Sei d’accordo?

Sì, e lo considero un grande complimento, perché spero di maturare come songwriter. So che ho ancora molto da imparare e che posso migliorare; il mio impegno è in quella direzione.

Sullo sfondo rimane sempre il pop, nel senso più alto del termine. Ne possono essere esempi “Frankie” o “Just Beneath The Chords”, dove emergono orchestrazioni che possono fare pensare a Bacharach e alle sue gemme anni ’60. Cosa ne pensi?

Quando scrivo una canzone mi interessa molto dare spazio alla sensibilità pop e alla melodia. Tutta la musica che preferisco ascoltare segue il classico e preciso schema verse-chorus, con in primo piano la melodia; di conseguenza, quando scrivo qualcosa, mi viene naturale ricercare le stesse cose.

 

Restando in tema anni ’60, possiamo citare la cover di “Old Friends” di Simon & Garfunkel. Credo che tu sia riuscita a rendere in maniera personale un brano storico e difficile. Hai incontrato difficoltà o timori nel registrarlo?

No, penso che sia stata un po’ difficoltosa a causa dell’armonia. Ho dovuto cambiare la chiave della canzone per adattarla alla mia voce, con un gran lavoro in studio da parte di Zac Rae, il mio produttore. Non ero impaurita dalla canzone, anche se Zac mi diceva: “come puoi cantarla? È troppo difficile!”. La mia risposta era: “Non preoccuparti, ce la faccio!”. Alla fine il risultato mi ha più che soddisfatta.

Molto importanti sono i testi, in cui sono forti i riferimenti autobiografici. Già conoscevamo le tue ottime doti di cantante ed interprete. In questo caso sembrano emergere con ancor più forza. Cantare brani così legati al tuo vissuto ha aiutato a farti esprimere a livelli così alti?

Sì, anche se penso che non ci siano grandi differenze rispetto a come mi esprimevo prima. Ho sempre scritto ciò che pensavo e sentivo, sempre in modo personale. Quando ero più giovane utilizzavo di più le metafore, non esprimevo direttamente il mio pensiero. Ora, crescendo, punto meno sul “mistero” e riesco ad essere più diretta. (continua nella pagina successiva…)

Fabio Pozzi
Fabio Pozzi
Fabio Pozzi, classe 1984, sopravvive alla Brianza velenosa rifugiandosi nella musica. Già che c'è inizia pure a scrivere di concerti e dischi, dapprima in solitaria nella blogosfera, poi approdando a Indie-Eye e su un paio di altri siti.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Jim Bob dei Carter USM e il potentissimo video di 2020 WTF!

#andratuttobene ? Per Jim Bob dei Carter USM il tono è completamente differente. 30 secondi di discoambulazione punk rock al vetriolo. Il video di 2020 WTF! Urlate con lui, contro un muro

Lanno – “La materia oscura”: il brano e il videoclip di Giuseppe Lanno. Esclusiva Indie-eye

Lanno. Moniker di Giuseppe Lanno come musicista. Il videomaker palermitano di stanza a Bologna pubblica tre singoli, estesi nei rispettivi video. Dopo "Caldo" e "Per sempre", indie-eye presenta in anteprima esclusiva il video de "La materia oscura".

Ferraniacolor – Illustrated ABC / Alfabeto Illustrato: il videoclip di Giacomo Fabbrocino

Giacomo Fabbrocino, fondatore della scuola Pigrecoemme, montatore, colorist e regista, dirige "Alfabeto Illustrato", il videoclip per i Ferraniacolor, ovvero il nuovo progetto dei napoletani Marco Alfano e Luca Zarrilli, due nomi storici della new wave italiana.

Antonio Firmani – La Galleria del Vento, il video di Federico Cappabianca

La Galleria del Vento, il singolo di Antonio Firmani e il video di Federico Cappabianca

Il Generale – L’inno dei senza lavoro: il videoclip in esclusiva su indie-eye

Il Generale, tra i primi musicisti ad aver diffuso il raggamuffin in Italia, torna con un nuovo singolo estratto dal suo ultimo album "Canzoni in tempi di crisi". Il videoclip de L'Inno dei senza lavoro è in esclusiva lancio solo su indie-eye

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015