mercoledì, Ottobre 21, 2020

Une Passante – More than one in number (AnnaTheGranny Records – 2010)

unepassante-1Tutta la tradizione che Giulia Sarno ha sicuramente amato e assimilato viene riletta attraverso la forza di una scrittura peculiarmente femminile, come se lo sguardo di Baudelaire sull’evanescenza e il transito di una donna mutasse in una flâneurie interiore e soggettivamente visionaria; Il debutto sulla lunga durata per “Une passante”, ensamble che si affida alla voce di Giulia, le chitarre di Guido Masi e Sergio Schifano, il Contrabbasso di Michele Staino e le pelli di Simone Sfameli, è una fusione vitalissima tra l’informale del Jazz di strada, immerso nel fuoco dei riti di passaggio e le viscere della cultura bianca. “Wreckage” sostenuto dagli archi arrangiati da Gianluca Cangemi è un incipit formidabile, la reinvenzione di una forma americana secondo coordinate visionarie e cinematiche, con la voce di Giulia che disegna un tracciato ora avvolgente, poi improvvisamente aspro e urbano e ancora modulato in modo più netto tra cool Jazz e Pop. E’ solo un esempio del metissage colto e immediato che tiene insieme le dodici tracce di “more than one in number”; Giulia Sarno non è semplicemente una performer dalla grande duttilità, la sua forza risiede proprio nelle capacità narrative, una dedizione per la scrittura che forza i limiti angusti di un genere traghettandolo fuori dai confini dello standard, rischio che in altre mani si sarebbe potuto annidare dietro la porta. Alcune tracce portano con se una versione “nobile” di crossover, avvicinandosi alle ibridazioni di Ani di Franco, altre rimangono in equilibrio tra la freschezza del folktelling e uno specchio di suoni più sofisticato che non abbandona mai le origini più squisitamente “terrene”; brani come “Leaving”, “Lampshade”, “A une passante”, “You’re Music” si aprono su paesaggi sonori vastissimi che trascolorano dalla strada al deserto fin dentro lo spazio intimo e minimale di un piccolo club; se si ascolta con attenzione un brano come “Bless”, accostandolo alla cronometria coinvolgente di “Emotional Countdown”, si rimane letteralmente annichiliti dalla forza visiva di tutte le textures in campo, un gioco di accumuli e di vuoti, di forza trainante e sospensione astratta, contaminazione come gioco incessante tra complessità e immediatezza; more than one in number appunto. Non dev’essere solo casuale o da considerarsi come un vezzo la lunghissima ghost track, pianosequenza ricostruito con un’aderenza emozionale e  quasi Zavattiniana che dalla doccia arriva direttamente all’atto della scrittura più intima e personale. Une passante, una delle prime sorprese per questo ingresso negli anni ’10.

Une passante li trovi su Myspace

…e anche su Facebook

da questa parte, segnalato nella rubrica Videoscopio, il teaser trailer che promuove More than one in a number realizzato da Leonardo Betti (LeonardoWorx)

Roberto Ragionieri
Contatta Roberto Ragionieri per e-mail: roberto.ragionieri@gmail.com Roberto Ragionieri è fermo ai '90. Altro non è dato sapere/// Roberto Ragionieri su Facebook

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Smoky Mo – Moziarty – il bellissimo video di Andrey Trevgoda

Video davvero bellissimo quello di Andrey Trevgoda per il rapper russo Smoky Mo. Girato in 16mm combina con la grana tangibile della pellicola, la transitorietà dell'arte digitale. Ricco di sorprese visive è lo stato dell'arte dei videoclip contemporanei, tra visual, vfx e lo spazio infinito della virtualità.

David Lynch – Good day today / I Know, i due video ufficiali

Ecco i due vincitori del contest lanciato da David Lynch in collaborazione con Genero TV

SXSW 2014 Music video – speciale: Joel Compass – Back to me, di Ian & Cooper

Il geniale "Back to me" diretto da Ian & cooper, vince meritatamente l'SXSW 2014 come miglior video musicale; ne parliamo approfonditamente per inaugurare uno speciale dedicato ai video selezionati dal festival di Austin

Montauk – La neve in Tv: il video di Paola Malloppo per Lobo Videomaking

Lobo Videomaking, è il marchio dietro al quale l'ottima fotografa Paola Malloppo e il chitarrista/tatuatore Leo Eseblana promettono di produrre video e animazione. Per il momento "La neve in tv" è un bellissimo video ideato dalla Malloppo e interpretato da una splendida Martina Sacchetti, per veicolare l'ultimo album dei bolognesi Montauk

Filiamotsa – Madsummer Midness: il video di Ishrann Silgidjian in esclusiva su indie-eye

Filiamotsa, notevole duo francese artefice di un post rock tesissimo ed emozionale e attivi da diversi anni hanno pubblicato il loro ultimo "Like it is" collaborando con il leggendario GW Sok, primo cantante dei The Ex e che per i francesi canta tutti i brani dell'album. Di questi sette brani, in collaborazione con il talentuoso regista francese Ishrann Silgidjian, i Filiamotsa presenteranno un video ogni settimana in esclusiva su indie-eye. Il secondo della serie si chiama "Madsummer Midness" ed è una visionaria contemplazione della natura attraverso il viaggio di un "uomo-specchio"

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015