lunedì, Settembre 28, 2020

33ore – L’intervista

A partire da oggi Indie-eye.it Network dedica un lungo speciale agli ospiti che hanno animato la seconda edizione del festival forlivese + Tost Che Niente; foto-interviste, foto set e una video intervista conclusiva rilasciata da Samuel Katarro a Fabio Pozzi e Alfonso Mastrantonio. Cominciamo con Marcello Petruzzi, in arte 33ore,  autore di uno degli esordi più interessanti in campo cantautorale indipendente di questa prima parte di 2009. Il suo “Quando vieni” ha raccolto consensi da più parti, ponendolo al centro dell’attenzione. Abbiamo cercato di sapere qualcosa di più su Marcello e la sua musica, intervistandolo prima del suo concerto forlivese  per la seconda edizione di +Tost Che Niente

[Foto di Francesca PontiggiaIl Foto-set del concerto di 33ore è da questa parte]

 

“Quando vieni” è il tuo primo disco solista, dopo anni di esperienze con Caboto, Franklin Delano e altri. Come è nata in te la voglia di fare qualcosa di completamente tuo? E cosa hai preso dai vari progetti a cui hai partecipato?

La voglia è nata molto tempo fa, nel 2004. Prima facevo qualcosa di mio, canzoni che hanno progressivamente preso una forma; la prima forma era molto legata a quello che facevo con i Caboto, cioè un gruppo sperimentale, un ensemble strumentale formato da 6-7 elementi, a volte anche 8 nei live. Era un discorso molto aperto e ricco di esperienze diverse, grazie alle diverse menti che vi partecipavano. Quindi le mie canzoni restavano legate ad una sorta di sperimentalismo, con dei giri complicati, una matrice difficile da portare avanti come vere e proprie canzoni. Poi, nel corso del tempo, sono cresciute. All’inizio cantavo in inglese, una lingua a cui non sono riuscito ad abituarmi, perché facevo fatica a vivere accanto al vocabolario; insomma, ho preferito rivelare quella che è stata una mia passione da sempre, quella per la scrittura. Quando nel 2007 ho cominciato a suonare con i Franklin è stata una chiave di volta, perché dalle confusioni volute e dalla ridondanza dei Caboto mi sono ritrovato a poter chiudere un link che avevo col passato, con la musica traditional di matrice americana e anglosassone. I Franklin erano un gruppo molto originale, ma comunque legato a un discorso di melodie e di stile tradizionali. E’ stata un’ottima esperienza, per fare questo attraversamento da cifre sperimentali a cifre di micromondi chiusi e scopribili nelle canzoni. Dopo i primi esperimenti e qualche concerto a nome “A Black Eagle” sono riuscito a trovare la sicurezza necessaria per portare allo scoperto le canzoni in italiano

Ciò che si fa sentire con più forza nel tuo disco è il richiamo alla grande scuola cantautorale italiana degli anni ’60-’70. Come mai la scelta di porsi nel solco di questa tradizione, ultimamente messa un po’ in secondo piano nell’ambito della musica indipendente?

Non è stata proprio una scelta, devo dirlo. Queste sono note che emergono adesso che il disco è uscito, quindi ci sono i primi riscontri, peraltro molto positivi e lusinghieri. La possibilità che hanno gli ascoltatori di fare delle stime oppure di creare dei collegamenti fa emergere in effetti questi legami con la musica cantautorale italiana. Da parte mia devo dire che, in base al mio background, legato alla musica estera, come è per molti altri musicisti ancora oggi in Italia, non avevo queste velleità. Quindi continuo a sentire degli altri riferimenti, alle volte anche molto alti rispetto a quello che posso fare io: i Soft Machine per esempio sono stati un punto di riferimento per i Caboto; io invece ho estrapolato il discorso che faceva Robert Wyatt e che continua a fare in maniera assolutamente meravigliosa; sono fortemente legato a molti suoi dischi solisti e alle sue rivisitazioni quasi-pop. Poi tanti altri nomi, per esempio ho ascoltato moltissimo David Grubbs, Arto Lindsay, Jim O’Rourke. Tante volte si fanno dei riferimenti a Nick Drake e naturalmente l’ho ascoltato, però non me la sono sentito di legarmi ad una tradizione folk del genere, anche perché Drake con il suo modo di suonare la chitarra ha fatto praticamente tutto, con una poetica individuale fenomenale e profonda. In definitiva, non avevo cognizione di questi legami con la musica italiana, che sono andato a scoprire in tempi relativamente recenti, motivato anche dalle persone che mi suggerivano questa cosa.

Fabio Pozzi
Fabio Pozzi
Fabio Pozzi, classe 1984, sopravvive alla Brianza velenosa rifugiandosi nella musica. Già che c'è inizia pure a scrivere di concerti e dischi, dapprima in solitaria nella blogosfera, poi approdando a Indie-Eye e su un paio di altri siti.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Slowdive – Don’t Know Why, il video di Grant Singer

Grant Singer, tessitore di cupe elegie notturne, spesso legato all'immagine di Sky Ferreira, realizza questo bel video in tre segmenti per gli Slowdive, libero e perduto, come lo spirito di un cane

Otawa – A Night in Sorong. Le animazioni matematiche di Stefano Mancuso: il videoclip in anteprima esclusiva

Il discorso musicale degli Otawa, al secolo Stefano Mancuso e Giovanni Canton, si integra indissolubilmente con la ricerca visuale. Un'interpretazione astratta e matematica della natura, ancella di una musica che fonde le tradizioni dei popoli con la musica elettronica. Su indie-eye videoclip l'anteprima esclusiva di "A Night in Sorong", ultimo videoclip di Otawa realizzato da Stefano Mancuso in computer grafica

La Band del Brasiliano, il nuovo album e il video de La Donna dei Miei Guai

Esce per la storica Cinedelic il nuovo album de "La Band del Brasiliano", brani inediti, alcune reinterpretazioni e un videoclip...

The Bird Catcher, il nuovo video di Cam Archer per Mick Turner: una grande Karen Black

Cam Archer realizza il nuovo video per Mick Turner con una splendida performance di Karen Black registrata pochi anni fa.

Schall & Schnabel: pop art and music video in digital age, the interview

Behind the name Schall & Schnabel there are Eileen Huhn and Pierre Horn, an amazing and creative couple based in Germany. They've produced some of the most creative, entertaining and outrageous music videos of recent years. After the recent video realized for Brisbane band called Confidence Man where the famous "Ken" doll is tortured in the worst ways, we decided to interview them to know more about their amazing way of working

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015