venerdì, Settembre 25, 2020

Ben+Vesper / All this could kill you

all_this_could_kill_you.jpgIl debutto full lenght di Ben+Vesper prodotto da Daniel Smith per Sounds Familyre Records è di quelli che lasciano senza fiato per leggerezza e complessità; All this could kill you è una raccolta di tredici gemme pop-folk alla deriva composte dal duo e potenziate da una parte della famiglia Danielson e da Sufjan Stevens alle prese con Banjo/Piano/voci e un meraviglioso oboe che emerge dallo stomaco della traccia numero 11. Door to Door e An Honest Bluff, le due tracce d’apertura, sfiorano il folktelling dei Faun Fables grazie anche al dialogo tra la scrittura baritonale di Ben e la punteggiatura di Vesper, in abisso tra voce e accordion, fortunatamente fuori da qualsiasi rischio di impantanarsi con le odierne retoriche balcaniche. Se dovesse venire in mente un folk impossibile, sospeso nel vuoto di una timbrica ricercata non per ridondanza o effetto, ci si potrebbe agganciare al bellissimo Admonishing The Bishops, l’ep dei TFUL282 dedicato ai Sun City Girls, stessa oscurità familiare a fare da propellente, stessa deriva della scrittura capace di trasformare gli elementi del pop o la scarnificazione del folk in una ricchezza di stimoli visionari, come nella saturazione chitarristica di Live Free or Try, viaggio tenebroso verso la speranza tenuto in piedi da un drumming terreno ed ossessivo e dall’organo di Chris Weisman, in cerca di liturgie distanti. Il piano dei Carpenters di Superstar è un genoma possibile, ci riferiamo al coraggio di annichilire suoni e arrangiamenti altrimenti funzionali in una narrazione che riesca a disegnare o semplicemente a congelare lo spazio come in When Life Strikes; anche la già citata An Honest Bluff in bilico tra Love e Byrds non si fida della trappola nostalgica ma rintraccia gli elementi di un Jazz sottocutaneo, quello di Robert Wyatt o ancora dei Sun City Girls meno arditi che fiutano i benvesperpress.jpggermi della sperimentazione e della ripetizione nei mood Hawaiani. Carnaval è un capolavoro di equilibrio e bellezza ed è forse l’episodio che disegna meglio di altri questo confine tra un tracciato e la sua dissoluzione, quel rischio di perdersi che ogni tanto si affaccia nel cristallo dei Lavender Diamond (svenduti alla Matador di recente), o nel folk per radio ad onde medie composto da Red Hunter, qui con una forza e una preparazione maggiore. The floridian in questo senso è un labirinto di segni e di slittamenti di senso, con una splendida sezione centrale che recupera le danses macabre di Paul Giovanni, conflitto irrisolto tra culti pagani e cristiani che nella bellissima 8 mo., brano strutturalmente incredibile, chiude con la promessa di un flauto, prolessi per la traccia successiva, The Stomach, una ballad appesa al filo sottile di una whistling melody arrangiata da Sufjan Stevens, tra armonica e whistle appunto, e vicina ai western disfunzionali e accecanti di Monte Helmann. Sempre Stevens si affaccia con un tratto di oboe straordinario in una delle tracce più immediate dell’intero album, Rockway TWP. ascoltabile in streaming da questa pagina della Sound Familyre. Il debutto di Ben+vesper esce per il mercato Italiano grazie a Wide Records alla fine di Maggio, nel frattempo è possibile:

scaricare una versione mp3 di an Honest Bluff da questo link di Sounds Familyrie
Acquistare il primo ep della band da questa pagina
Scaricare una vecchia traccia del duo da questo link
Diventare amici di Ben+vesper su myspace

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Fenne Lily: isolamento e introspezione nei videoclip per Breach

"Alapathy", "Berlin", "Solipsism". I tre singoli e i tre video che hanno anticipato l'uscita di "Breach" il nuovo album di Fenne Lily uscito per Dead Oceans. Ve ne parliamo attraverso le clip di Benjamin Brook, Henry Dunbar, Tom Clover

IKE – Seeds’n’Flowers – Il videoclip di Christian Schmidts e Anna Petzer in esclusiva su Indie-eye

Seeds'n'Flowers è il video di IKE tratto dal suo ultimo album "Construction Site", pubblicato per Irma Records. A dirigerlo il visual artist e ricercatore universitario Christian Schmidts e la performer Anna Petzer. Indie-eye videoclip presenta il videoclip in esclusiva.

Il Teatro degli orrori, il video live di “È colpa mia” prodotto da KinoDV

Il teatro degli orrori, il video live di "è colpa mia" prodotto da KinoDV produzioni video

Gio Mannucci, Acquario è il debutto solista: il video di Sotto la pioggia diretto da Ambra Lunardi

Gio Mannucci, dopo le esperienze con Mandrake e Sinfonico Honolulu, solo per citarne alcune, pubblica Acquario, prima esperienza solista

Beyoncé – Haunted di Jonas Åkerlund

Haunted il video di di Jonas Åkerlund per "The Visual album" di Beyoncé

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015