mercoledì, Ottobre 21, 2020

Cosmo – Disordine

cosmo_disordineConfusione, disorientamento, talvolta, più superficialmente, crisi. I nuovi cantautori italiani sembrano non trovare pace e certo non si risparmiano nel manifestarlo, il più delle volte, però, piangendosi addosso o eccedendo in tediose tirate retoriche o, ancora, crogiolandosi in modestissimi drammi sentimentali, al più buoni per soap pre-serali.
Rari sono i casi in cui l’autore riesce a coniugare un’attenta fotografia del proprio momento storico ad una sincera visione personale dello stesso. Tanto vale, allora, disinteressarsene (così da rendere anche un “miglior servizio alla causa”) e affrontare temi “seri” sotto altro approccio, ben meno pretenzioso e senza dubbio più interessante.
L’esordio da solista di Marco Jacopo Bianchi, vocalist dei Drink To Me, può collocarsi in questa corrente. Obiettivo: parlare di sé, dell’incertezza del futuro, di una certa, ma non patologica, instabilità mentale. In una parola, delle ansie ordinarie di una generazione.
Alla larga, però, due cose: il profilo sociale e il sentimentalismo. A Cosmo non interessa la politica (e vabbè) né l’amore (per fortuna), ma non per questo si atteggia a cinico o qualunquista.
A livello lirico, affronta le proprie paure con sincero distacco senza per questo risultare meno personale, con garbata ironia senza dover risultar simpatico a forza. Coerentemente, anche sotto l’aspetto musicale sceglie l’arma del piacevole intrattenimento, disegnando un’elettronica che fa una sana indigestione di campionatori e un discreto abuso di synth a fare massa, pecca, quest’ultima, piuttosto evidente seppur veniale, col risultato, nella seconda parte, di appiattire dal punto di vista dinamico il brio e la spigliatezza del lato A.
Ma, a dispetto del titolo, l’album è assai curato, inserito nella contemporaneità ma non modaiolo all’esasperazione, e il lavoro di Bianchi sui campioni e sugli incisi ritmici, da quelli più danzerecci a quelli più “sperimentali”, è notevole. Inoltre, canta, e anche molto bene, su linee vocali certo non buttate lì e anche in questo Cosmo si stacca decisamente da altri suoi contemporanei.
È convincente sia quando evoca il Battisti degli anni ‘80 (Ecco la felicità) sia quando si ispira ai propri numi tutelari Animal Collective o, restando in zona, alla sua band (almeno quella dell’ultimo, pregevole S), cosicché, non fosse altro che per onestà intellettuale, assomiglia a se stesso, padroneggiando agilmente la materia e, non ultimo, riuscendo in un singolo davvero indovinato (Ho visto un dio).
Affiorano tracce di “subsonichismo” in qualche inflessione vocale, complice anche l’inflessione regionale davvero caratteristica, ma senza la pesantezza dell’originale e non inficiano la compattezza di un lavoro sicuramente ben fatto, senza impennate di follia, ma con il dichiarato e centrato intento di divertire con buon gusto e di attirare pubblico senza risultare ruffiano. Non è poco.

Francesco D'Elia
Francesco D'Elia
Francesco D'Elia nasce a Firenze nel 1982. Cresce a pane e violino, si lancia negli studi compositivi e scopre che esiste anche altra musica. Difficile separarsene, tant'è che si mette a suonare pure lui.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Tin Machine medley videoclip di Julien Temple: l’album e il video di 13 minuti compiono 30 anni

Tin Machine, il primo album della band di David Bowie compie 30 anni esatti e insieme il lungo videoclip di quasi 13 minuti che lo promuoveva. Diretto da Julien Temple, fu trasmesso in Italia per la prima volta da Rai Uno, per il Magazine Notte Rock di Cesare Pierleoni. Tutta la storia

We Are Scientists – Dumb Luck – il video super-gore di Noah Conopask

Noah Conopask è un regista americano stanziato a NYC, ha cominciato la sua carriera realizzando artwork per pubblicazioni musicali e creando siti web, per...

Sepiatone – Shallow Tears: il video in esclusiva Italiana su indie-eye

Tra materia e memorie che si confondono, il nuovo video di Sepiatone si intitola "Shallow Tears" e vede una bellissima Marta Collica insieme ad un carismatico Hugo Race. Il video precede l'uscita di "Echoes On" il loro nuovo album ed è In esclusiva lancio per l'italia su indie-eye

Wolkoff – The Homecoming: il video di Era Ora e Ivana Gloria

Le due illustratrici italiane Era Ora e Ivana Gloria realizzano il video per la canadese Joanie Wolkoff. Storia di una donna con la testa di un border collie

Needed Me – Harmony Korine per Rihanna o viceversa?

Needed Me è il nuovo video diretto da Harmony Korine per Rihanna, artista dalla fortissima personalità. Tratto dal suo ultimo lavoro sulla lunga distanza, il bellissimo ANTI, Needed Me porta in superficie il sottosuolo di Spring Breakers.

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015