sabato, Settembre 26, 2020

Fabrizio Cammarata & The Second Grace – Rooms (Via Audio Records, 2011)

A distanza di quattro anni dal primo album, The Second Grace, esce l’ultimo lavoro di Fabrizio Cammarata & The Second Grace, dal titolo Rooms. L’album è stato registrato fra Sicilia, Portland e New York, e può vantare la produzione di JD Foster (già noto per Marc Ribot, Vinicio Capossela e Calexico).
Cosa c’è di nascosto nel suono di Rooms? Tanto per cominciare una cura estrema per il dettaglio, una certo attaccamento old style per ogni fase di produzione del disco e un atteggiamento “romantico” nei confronti la musica tout court. Tratti determinati e affatto scontati se si considerano la rapidità, nonché la facilità con la quale si può produrre un disco (attenzione, produrre, non diffondere o proporre). Con Rooms Fabrizio Cammarata & The Second Grace, sembra voler ribadire l’esatto contrario. La musica richiede tempo, tempo per farla, tempo per produrla e, parimenti, chiede che venga dedicato del tempo per il suo ascolto. In fondo sembra essere questo il messaggio velato fra le tracce, un elogio della lentezza in chiave musicale.
Tutti i brani sono cantanti in inglese e sono un melangè di influenze cantautoriali (dal citatissimo Dylan, passando per Drake) e acustiche dagli echi folk. Tuttavia se Cammarata si fosse fermato a ciò, Rooms sarebbe stato poco più di un tributo alla tradizione seventy. L’originalità è stata nel contaminare il tutto con innesti psichedelici, chitarre elettriche e unirle a suoni dai ritmi africani, accordature aperte e percussioni rubate alla world music. Alone & Alive così come Me And The Rain, sono ottimo esempio. Passando fra le stanze del disco, i cambi di umore di fanno frequenti. All I Know è una ballata dall’andamento sereno che contrasta con il tema del testo, il racconto di una mancanza, un’assenza non ancora superata, un disaccordo totale con l’esistente che forse troverà la propria accordatura, in Aprile, Maggio o forse in Giugno. Alone & Alive, tra i brani migliori del disco, è un brano emozionante, una storia vera o inventa che sia, che potrebbe trovare il suo scenario ideale sul ciglio di qualche strada polverosa, ai confini più spinti della città. Gli animi si quietano, si fanno trasognanti con Misery e la sua ritmica conciliante e rassicurante per abbandonarsi alla nostalgia cantata sulle note di Myriam. Con Mt. Pellegrino, Cammarata ci porta alla scoperta della Palermo segreta, della città dentro la città, nascosta alla vista dei più. Con le note dal sapore cubano e marittimo di High Lake Bay si chiude il disco, regalando circa quaranta minuti di magia e sogni. Rooms è un album evocativo, caldo, che trae indubbio beneficio da una precisa ricerca musicale e strumentale. Un album ricco di spunti, che si rivelano, timidamente, al proseguire degli ascolti.
Fabrizio Cammarata in rete

Giulia Bertuzzi
Giulia Bertuzzi
Giulia vede la luce (al neon) tra le corsie dell'ospedale di Brescia. Studia in città nebbiose, cambia case, letti e comuni. Si laurea, diventa giornalista pubblicista. Da sempre macina chilometri per i concerti e guadagna spesso la prima fila.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

L’amo – Stupida: il video di Emilio Costa

Emilio costa gira il nuovo video per L'amo: Stupida

Rickie Lee Jones, Kicks: in concerto a novembre a Lucca, Milano, Roma. L’approfondimento e i videoclip

Rickie Lee Jones torna in Italia. L'ultima volta risale al 2007 e l'occasione è di quelle ghiotte. "Kicks", il suo nuovo album di standard dei '50 e classici rock dei '70, è il quinto di cover realizzato dalla grande autrice americana. Stravolte e condotte in nuovi territori, saranno eseguite sul palco insieme ai suoi capolavori con una band di New Orleans. Grazie alla D'Alessandro e Galli Rickie Lee sarà in italia a novembre per tre date. Noi vi raccontiamo la sua storia, tra album e videoclip.

Asking – il video connettivo dei Gumo prima del Covid-19: anteprima lancio

Estate del 2015, i toscani Gumo, artefici di un sonic pop sghembo e contagioso, devono realizzare un videoclip per il loro album. "Asking" diventa l'occasione per cancellare le distanze reciproche, cinque anni prima dell'esplosione conversazionale imposta dal social distancing. Il videoclip in anteprima

Shirley Collins – Death and The Lady, il video di Nick Abrahams: una celebrazione della vita

Il video di Nick Abrahams girato per una veterana del folk britannico come Shirley Collins, oltre all'apparente incedere rituale e funereo, che include la presenza dell'ossario di San Leonardo nel Kent, è una celebrazione della vita. Al centro una radiosa Shirley Collins, splendida a 81 anni.

Copycat Club – Ganz Berlin: il video di Riccardo Torresi

Riccardo Torresi, artista mediale stanziato a Berlino, realizza un bel videoclip di animazione per il progetto Copycat Club.

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015