Indie-eye – VIDEOCLIP – Storia e Critica dei Video Musicali

Giugno 2nd, 2012
Il Disordine Delle Cose – La Giostra (Cose In Disordine, 2012)

Di

il disordine delle cose la giostraLa Giostra è un album palpitante, dai suoni ricchi e saturi, sulla cui superficie si sono conficcate le influenze e i richiami dei luoghi che hanno fatto da cornice alla registrazione: l’Islanda e i suoi panorami. Circa duemila miglia hanno separato i componenti del Il Disordine Delle Cose dal Piemonte che li ha visti formarsi nel 2008 e uscire con l’omonimo album.
Per La Giostra Marco Manzella, Luca Schiuma, Alessandro Marchetti, Emanuele Sarri, Vinicio Vinago e Mattia Boschi hanno potuto contare dell’appoggio di Birgir “Biggi” Birgisson, manager e fonico (fra gli altri) dei Sigur Ros.
Ben lontano dall’essere invisibile, la mano di Birgisson ha vergato con espressività la realizzazione dell’album, conferendo ai suoni e alle melodie quel distinguibile tratto nordico ovvero tonalità sobrie, eteree ma dotate anche della stessa robustezza del ghiaccio. Difatti, anche le tracce impostate secondo il canone dei pezzi acustici (Mosfellsbaer) risultano vibranti grazie soprattutto ad una pesante fanteria fatta di corno, archi, tromba e organo. Aperta dalle pulsazioni della batteria è Addio, una ballata ariosa e vivace che trova il proprio contraltare nella seguente Sto Ancora Aspettando. Dai richiami a Moltheni è Mi Sollevo che può vantare un bell’intreccio di tastiere e archi. Curato nei minimi dettagli – dal packaging insolito, alla grafica, ai testi – l’album presenta degli stacchi di rilievo, come la divagazione jazz-strumentale di Improvvisazione N°9. Il disco si avvia verso una conclusione pacata sulle note concilianti di Autunno e La Mia Città. La Giostra lascia con l’impressione che la band abbia voluto prendere e prendersi del tempo, conferendo alle tracce delle ripetizioni quasi infinite, dilatando il minutaggio dei pezzi, trasformando infine i quattordici pezzi della raccolta in una sorta di esercizio di respirazione lunga, costante e controllata.

il disordine delle cose in rete

Tracklist:

Moesfellsbaer | Addio | Sto Ancora Aspettando | Vorrei, Potrei, Dovrei | Mi Sollevo | Al Tuo Ritorno | La Giostra | La Preda | Improvvisazione N°9 | Marionette | Appena Prima | Autunno | La Mia Città | Tolgo Il Disturbo
 

 

Giulia Bertuzzi

Giulia Bertuzzi

Giulia vede la luce (al neon) tra le corsie dell'ospedale di Brescia. Studia in città nebbiose, cambia case, letti e comuni. Si laurea, diventa giornalista pubblicista. Da sempre macina chilometri per i concerti e guadagna spesso la prima fila.