domenica, Settembre 20, 2020

Jocelyn Pulsar – Il gruppo spalla non fa il soundcheck – (I Dischi della Lavatrice, 2010)

I Jocelyn Pulsar sono Francesco Pizzinelli, forlivese fiero di esserlo che da poco ha superato i trent’anni, e “Il gruppo spalla non fa il soundcheck” è il suo quinto disco riconosciuto (ve n’è un altro precedente a tutti, ma viene inteso come capitolo a parte); avevamo già parlato di loro con la recensione di Penso a Sonia ma suono per la gloria. In queste otto tracce troviamo tutto quel mondo provinciale e autobiografico al quale Jocelyn Pulsar ci ha abituato finora, ma vi sono dei cambiamenti non da poco. Per quanto riguarda la musica, siamo sempre dalle parti di quel pop casalingo fatto di chitarra acustica e voce, adornati di handclapping, tastierine e cori, da considerarsi quasi un vero e proprio marchio di fabbrica del gruppo. Da annotare una maggiore accuratezza nella produzione, merito della collaborazione con Enrico Berto (Amari), e anche una maggiore confidenza di Francesco nel cantare: si sente che la voce è meno costretta (anche dal nascondere la naturale inflessione dialettale), e questo rende il tutto più autentico e personale. Sul fronte dei testi invece notiamo un salto avanti notevole: in molti episodi infatti vengono accantonati i ricordi d’infanzia e gli onnipresenti anni ’80 (eccezion fatta per W la tecnologia, un tuffo nel passato prossimo e remoto) per puntare lo sguardo verso la quotidianità, i rapporti interpersonali, i sogni di gloria e le necessità materiali. Se nella prima metà del disco le canzoni descrivono situazioni, storie altrui (Jennifer e la piazza) e piccole lezioni di vita (l’omonima traccia del disco), nella seconda è Francesco a raccontarsi, frugando dentro sé e i suoi malinconici pensieri presenti (Spaghetti di riso con le verdure senza uova), passati (Potevo essere) e futuri (Cinquant’anni). Lo stile di narrazione è naif, sincero ma ingenuo, di un ragazzo adulto ancora affascinato dalla visione del mondo dei bambini, che considera ancora buoni gli insegnamenti dei genitori di quando era piccolo. Ci sono molte piccole verità in questo disco, lezioni di vita sparse qua e là come in un quaderno d’appunti dalle pagine ingiallite dal tempo: per questo si può azzardare un paragone con un Max Pezzali degli ultimi tempi, tolte le riflessioni sui massimi sistemi delle relazioni sentimentali, per lo stesso sguardo bonario verso il tempo che passa e che fu. Per andare sul sicuro comunque i riferimenti chiave sono Cremonini e Bersani delle origini, nella tradizione della canzone pop emiliano-romagnola, ma anche Dente e Brunori Sas, nomi accostati a ogni piè sospinto per richiamare il cantautorato del quotidiano degli anni zero. Consiglio questo disco a chi cerca un ascolto in relax senza messaggi profondi, morali nascoste o menate varie.

Jocelyn Pulsar su myspace

Elia Billero
Elia Billero
Elia Billero vive vicino Pisa, è laureato in Scienze Politiche (indirizzo Comunicazione Media e Giornalismo), scrive di dischi e concerti per Indie-eye e gestisce altri siti.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

John Malkovich nel videoclip di AaRon: Blouson Noir

John Malkovich nel nuovo video degli AaRon

Phuture Doom – Black Acid Reign: il video di Marc Rienzo

Phuture Doom. Black Acid Reign il nuovo video diretto da Marc Rienzo

Fragments, i disegni esistono. Marco Brancato racconta il video dei Mòn. Esclusiva indie-eye

"Indurre a credere che i disegni esistano o che la realtà sia solo disegnata. Che è poi la verità". Marco Brancato ci racconta con un suo contributo inedito la lavorazione di Fragments, nuovo bellissimo tassello della sua videografia realizzato per i Mòn e condiviso con Michele Manca. Tra realtà e animazione, sogno ed esperienza, Fragments è davvero un video unico

Jon Hopkins ‘Emerald Rush’ – tra animazione e visual il nuovo, bellissimo video di Robert Hunter & Elliot Dear

Bellissimo video d'animazione quello per il nuovo "Emerald Rush" di John Hopkins. Robert Hunter & Elliot Dear della Blinkink realizzano un potente crocevia tra animazione disegnata a mano e l'esplosione di VFX organici, chimici e "live action"

Corteccia di Alia: il videoclip tra Storia e memoria

"Corteccia" è il bel video di Alessandro Curcio aka Alia, anticipo del primo full lenght per il musicista bergamasco, che qui mette insieme vita personale e Storia collettiva, cercando un "punctum" tra le immagini famigliari che possa "trafiggerci".

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015