Indie-eye – VIDEOCLIP – Storia e Critica dei Video Musicali

Jess Bryant, finissima e talentuosa folksinger e songwriter in un Podcast esclusivo per indie-eye 

Di

Jess Bryant ha sviluppato il suo songwriting nell’apprendimento del violino e del pianoforte e avvicinandosi alla chitarra verso i 15 anni, vera e propria deriva creativa dal suo percorso di studi. In rete è possibile trovar traccia dei numerosi concerti a cui ha preso parte, come sostegno ai progetti di Neil Rhys Marsh (Mandala e più recentemente Rhys Marsh & The Autumn Ghost) dove Jess presta voce e Zither, e come solista con una manciata di composizioni che esegue per chitarra e voce attraverso l’Inghilterra; approccio scarno e allo stesso tempo stratificato, complice un talento vocale davvero straordinario, che si serve di percorsi culturali stridenti, per offrire un risultato che sta a metà
tra un certo folktelling inglese e un’approccio vocale che slitta tra il corale, il lirico e a tratti anche in territori soul. I riferimenti si sa, sono utili quando diventano dispositivi de/per la memoria, quindi vengono in mente i racconti dolci e terribili di Faun Fables, il folk pagano di Paul Giovanni, il John Cale di Words for the Dying. Ne avevamo parlato in dettaglio e con un certo entusiasmo da questa parte e ne riparliamo, questa volta con un Podcast di circa 30 minuti, dove con molta semplicità, generosità e intensità Jess Bryant racconta la sua musica e la suona per noi.

 

Michele Faggi

Michele Faggi

Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.