venerdì, Luglio 19, 2024

Invert; immaginary sound-trax

invertPer chi pensa che Indie di per se sia una definizione stolida e impotente, e allo stesso tempo duttile, apolide a patto di smarginarne i generi e i generici tic di riferimento, un combo come i Newyorkesi Invert potrebbe perfettamente rientrare nella scatola. Indipendente o meglio autonomo è il loro approccio editoriale; in quell’accezione di autonomia che è molto praticata negli states e che al contrario, nel nostro paese, è spesso sinonimo di turpe peccato, soprattutto se si presenta con i tratti di un oggetto non identificabile. Invert nonostante la formazione, non sono i Brodsky Quartet, non lo sono per scelta e probabilmente perchè nella loro musica il metro “colto”, come la gabbia Indie del resto, funziona come un trasformatore senza il rischio reale di identificare il loro suono con Bartok, Coltrane, Syd Barret, Bernard Herrmann, Shellac, Rachel’s o con il fantasma sbiadito dell’etno-music, sempre meno sinonimo di ricerca e molto più spesso confezione esportabile; tutti questi elementi, sicuramente presenti nella musica degli Invert, diventano un movimento ossessivo di possibilità, un dispositivo emozionale della mutazione; la loro sorprendente cover di Tomorrow Never knows dei Beatles ne è un esempio potentissimo, e Indie-eye vi dirotta volentieri presso questo link per lo streaming in Real Audio. Invert sono Helen Yee al violino, Chris George al violoncello, Steven Berson al violoncello, e Chris Jenkins alla viola, coadiuvati nei live-set dalla viola di Asha Mevlana e dal violino di Amalia Deskalakis; hanno recentemente accompagnato i Rachel’s in tour, proponendo una selections di brani tratti dal loro primo album realizzato nel 2001 e dal loro secondo Cd del 2004 Between The Seconds, a tutt’oggi l’ultimo. Between The Seconds è acquistabile da questa pagina, da dove è possibile ascoltare l’intera tracklist in versione sample, attraverso agevole streaming mp3. Se amate la musica cinematica che riesce a produrre movimento dentro la cronometria del suono, se siete a caccia di Immaginary Soundtracks, ma di quelle afferenti ad un immaginario sfumato, non definibile; la musica di Invert può essere una via eccellente. Indie-eye diffonde questo suono con uno streaming diretto di alcune tracce tratte dalla discografia di Invert e con il download di una serie di brani in formato ogg.
Ascolta in streaming Real Audio/ Scarica in formato Ogg

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker, un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana e un Critico Cinematografico iscritto a SNCCI. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip e del mondo Podcast, che ha affrontato in varie forme e format. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

GLOAM SESSION

spot_img

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img