giovedì, Ottobre 1, 2020

Moltheni – I segreti del corallo – (La tempesta dischi – Venus 2008)

E’ uscito ieri il quinto album di Moltheni, a dieci anni esatti dalla morte di Lucio Battisti. Coincidenza, senz’altro, ma i segreti del corallo flette la scrittura di Umberto Giardini verso una forma intima e visionaria che ha più di una suggestione con l’universo Battistiano, l’evocazione di una visione affettiva e interiore assume toni crepuscolari e racconta di assenze e apparenze; qualità che non si limitano all’intarsio dei testi, attraversati da un ermetismo aperto che invece di occludere risuona nella molteplicità combinatoria dei significati, ma trasforma in modo sorprendente anche la consistenza timbrica delle parti strumentali, infiammate da un astrattismo essenziale e ricco allo stesso tempo. Si potrebbe ascoltare a ritroso, partendo dalla bellissima L’attimo Celeste, brano che affronta una dimensione visionaria con la scomposizione delle parti strumentali, piano e chitarra riproducono cerchi ossessivi e disegnano quel “meravigliosamente mi moltiplichi”. Ma qui eravamo prima dell’apocalisse e dobbiamo tornare al principio; Vita Rubina è costituito da pochi elementi e se l’eco è quella degli ultimi lavori di Moltheni c’è una corrosione oscura più dolorosa che reagisce come chimica sulle parole, trattate come in un processo di produzione dell’immagine fotografica scorrono in una camera oscura di ricordi e trovano specchio in un tetro incedere strumentale, sostenuto sullo sfondo dalla tenerezza del wurlitzer. Intimamente Battistiano allora, perchè non si tratta di una somiglianza compositiva tranne che per piccole allusioni in Ragazzo Solo, Ragazza sola e nella spaziale e immensa Verano, ma strettamente poetica, dove il lavoro lirico tratta gli strumenti come elementi del discorso, una scelta sempre più rara e che diventa fortemente politica proprio dal momento in cui questo aspetto sembra tagliato fuori dalle nuove composizioni di Umberto Giardini; è l’identità moltiplicata nei corpi e nelle rifrazioni di una vita intera, la ricerca personale come unico atto politico davvero possibile perchè “nella trasparenza vedo la mia origine”. Ciò che si racconta, ridotto ad una dimensione privata e insondabile, ma soprattutto, come lo si racconta.

Errata corrige: L’album di moltheni non è uscito il 10 settembre, deve ancora uscire e tocca aspettare il 10 ottobre, ce lo comunica l’associazione culturale ArteVox ( che si occupa del management di Moltheni). Salterebbe tutta la retorica della recensione, se leggete attentamente, ma facciamo finta di niente!

Redazione IE
Redazione IE
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it || per l'invio di comunicati stampa devi scrivere a cs@indie-eye.it

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Early Spings horses – Voyager’s trail – il videoclip in esclusiva

In esclusiva su indie-eye il video di Voyager's trail, dall'album di Early Spings horses

The Chemical Brothers – Believe: il video ufficiale di Dom & Nic

Il video di Believe per The Chemical Brothers diretto da Dom & Nic

Grouper – i saw a ray, il video di Weston Currie

I Saw a Ray non è il primo video diretto da Weston Currie per il progetto di Liz Harris

YouNuts! Production: Tra Cinema e Videoclip, l’arte del videomaking da Jovanotti ad Achille Lauro. L’intervista

Richiestissimi YouNuts, hanno cambiato il volto del videoclip italiano. In più di dieci anni di carriera Niccolò Celaia e Antonio Usbergo sono passati dall'underground al mainstream senza scendere a compromessi e potenziando un'idea del video musicale sempre più vicina al Cinema. Jovanotti, Marco Mengoni, Gemitaiz, Coez, Maneskin, TheGiornalisti, Samuel, sono solo alcuni degli artisti con cui hanno collaborato. L'ultimo video realizzato in collaborazione con Achille Lauro e interpretato dall'attrice romana Benedetta Porcaroli ha già superato in pochi giorni il milione di visite. "16 marzo" è una incredibile sospensione del tempo, proprio quando la percezione umana di tempo e spazio sembra coesistere solo nella dimensione virtuale, nelle immagini e nei formati della nostra memoria. Per l'occasione abbiamo ripercorso l'intera carriera di YouNuts insieme ai diretti titolari. L'intervista e il racconto del making di "16 Marzo"

Thot – Odra – il videoclip dell’artista francese Arthur Shelton

L'Oder (in ceco e in polacco Odra, in tedesco Oder) è un fiume dell'Europa centrale che attraversa la Repubblica Ceca, la Germania e la Polonia e sfocia nel Mar Baltico presso Świnoujście. I Thot gli hanno dedicato un brano e Arthur Shelton ha diretto per loro questo pessimo videoclip

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015