venerdì, Settembre 25, 2020

No Joy – Ghost Blonde (Mexican Summer, 2011)

È il 2011, ma potrebbe essere benissimo il 1991, l’anno dei grandi sconvolgimenti per la storia della musica rock e pop in generale, che per alcuni volle dire Nevermind, per altri Loveless. Curioso, innanzi tutto, che questi due dischi, che hanno fatto epoca e hanno affascinato trasversalmente orde di musicisti ed ascoltatori, rappresentassero, pur nella loro quasi antitetica difformità di esiti sonori, già nel titolo, un desiderio di nichilismo pressoché assoluto. Se, da un lato, il grunge nel nichilismo ci si tuffava di testa, vedendo nella sopraffazione dall’universo e dagli eventi l’unica soluzione possibile, dall’altro, lo shoegaze cercava il niente oltre il terreno, imponendosi come codice di comunicazione pressoché unico la rarefazione sonora e canora. Non stupisce, allora, che un gruppo che si chiama No Joy intervenga a gamba tesa esattamente vent’anni dopo, in omaggio a quella regola non scritta che recita che i cicli nella musica sono ventennali, ripercorrendo le orme delle band per le quali ergere muri, sonoramente parlando, era una missione postulata prima ancora che ricerca stilistica funzionale alla scrittura. Jasmine White-Glutz e Laura Lloyd nascono dunque come duo a Montreal, anche se la prima decide ben presto di trasferirsi in California. Piazzano due turnisti al basso e alla batteria e, dopo un paio di registrazioni al volo, si materializza la Mexican Summer (Marissa Nadler, fra gli altri, in scuderia, oltre al purtroppo solamente omonimo John Carpenter) a scritturarle. Se non è revival, in effetti, poco ci manca. Gli stilemi e i cliché adottati da Kevin Shields e soci ci sono più o meno tutti, ma i risultati, almeno in parte, sorprendono. Innanzi tutto, a colpire è la profonda differenza che marca fra le varie canzoni, proprio nel modo in cui sono registrate. Di brano in brano, il missaggio effettuato da Sune Rose Wagner (e si sente, le armonie vocali, c’è da scommetterci, sono opera sua) dei Raveonettes regala un ruolo da protagonista a turno ad ogni singolo strumento, lasciando tutto il resto sullo sfondo e cercando comunque, volutamente, di mantenersi su una resa sonora a bassa fedeltà. Le chitarre dominano nella spumeggiante apertura di Mediumship e Heedless (curioso come assomiglino davvero a certe produzioni Creation dei primi anni ’90, ma d’altra parte Alan McGee produsse sia Oasis che My Bloody Valentine), la batteria ariosa cadenza in primo piano Maggie Says I Love You e Pacific Pride, il basso pulsa in You Girls Smoke Cigarettes?. Se tale scelta stilistica costituisce, comunque, una particolarità nel suo genere, l’impronta personale delle No Joy tende a fermarsi un po’ a metà strada. L’evocazione del sound caratteristico funziona (anche se il suono oscillante à la Kevin Shields rimane inimitabile) e il mood generale è quello giusto, ma i brani, in più di un’occasione, non brillano di luce propria, alcuni dei quali allo stesso tempo troppo seriosi per avvicinarsi ad una gioiosità pop e troppo superficiali per raggiungere la disperazione esistenziale dei predecessori. E, come se non bastasse, una volta che si spinge un po’ l’acceleratore, riemergono scopiazzature sonicyouthiane (Hawaii e il ritornello chitarristico di Still), dalle quali, per i gruppi “nuovi” del genere, sembra impossibile svincolarsi. In tutto ciò, altri episodi rimangono comunque apprezzabili, su tutti l’ipnotica Indigo Child. Un’operazione nel suo complesso riuscita a metà, che però non manca, a tratti, di fascino per orecchie che ad atmosfere dilatate, melodie impercettibili e a bordate di fuzz e feedback hanno dedicato ore di ascolto in pieno raccoglimento estatico.

Francesco D'Elia
Francesco D'Elia
Francesco D'Elia nasce a Firenze nel 1982. Cresce a pane e violino, si lancia negli studi compositivi e scopre che esiste anche altra musica. Difficile separarsene, tant'è che si mette a suonare pure lui.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Big Audio Dynamite – E=MC2: Don Letts e l’omaggio a Nicolas Roeg

Nicolas Roeg, la teoria della relatività e i Big Audio Dynamite

Bass Drum of Death – Left for dead: il video sexy di Dick Thompson

Nuovo video per i Bass Drum of Death, girato dal fedele Dick Thompson

Pharrell – Gust of Wind: il video diretto da Edgar Wright

Edgar Wright de "La notte dei morti dementi", "La fine del mondo" e "scott pilgrim"dirige il nuovo video di Pharrell, Gust of wind

Morning Parade – Alienation: il video di Christopher Mills

Nuovo bellissimo video di Christopher Mills per Morning Parade

Glenn Branca muore all’età di 69 anni: un videoricordo

Uno dei più grandi sperimentatori è morto all'età di 69 anni. La musica di Glenn Branca ha influenzato numerose band, a partire dai Sonic Youth fino a Noveller ed è rimasta fieramente legata ad un contesto di profonda ricerca e sperimentazione. Un videoricordo

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015