sabato, Settembre 26, 2020

Okkervil River: The Stage Names

Okkervil River - The Stage NamesQuando si attende un nuovo album degli Okkervil River le aspettative sono sempre molto elevate. Merito o colpa di una discografia che non ci ha mai regalato un album che non fosse meno che eccellente. Impossibile poi per i molti che hanno amato “Black Sheep Boy” (Jagjaguwar, 2005) fare a meno di adoperarlo come scomoda pietra di paragone. Confesso un maldestro e risibile tentativo di contenere l’entusiasmo quando ho ricevuto la mia copia di “The Stage Names”… temevo una delusione e cercavo di prepararmi psicologicamente ad una caduta di tono della band texana. Leggo le note di copertina e mi rassicura scoprire che anche il nuovo album ripropone sostanzialmente la squadra di lavoro del precedente, con l’aggiunta della significativa collaborazione di Jim Eno (Spoon) in fase di mixaggio. In realtà mi è stato sufficiente ascoltare una volta sola “The Stage Names” per percepire in maniera diretta e inequivocabile di essere in presenza di un grande disco, nuovamente alla merce’ della voce di Will Sheff. Senza più dubbi e tentennamenti, di nuovo e immediatamente amore. Dall’apertura di “Our Life Is Not A Movie Or Maybe” (brano dal sapore curiosamente Arcade Fire) alla conclusiva “John Allyn Smith Sails”, le nove canzoni di “The Stage Names” ci riconsegnano gli Okkervil River in stato di grazia. Cercate l’intensità di “For Real”? Eccovi “Unless It’s Kicks”. Preferite il brano da cantare a squarciagola sotto il palco? Ci pensa “A Hand To Take Hold Of The Scene”. E la ballata country-rock? Arriva “A Girl In Port” con quei fiati in chiusura di pezzo che quasi quasi gli Stones di “Exile On Main Street” con i Memphis Horns…
“The Stage Names” è un album semplicemente perfetto. Se vi avvicinate per la prima volta agli Okkervil River con questo album ve ne innamorerete subito; se invece siete già degli estimatori della band e leggendo questa recensione vi/mi state chiedendo se, in fin dei conti, sia meglio o peggio di “Black Sheep Boy” allora io respingerò con passione il difficile quesito, così come il bambino si rifiuta di rispondere alla domanda “vuoi più bene al papà o alla mamma?”. Ulteriori approfondimenti qui su Indie-eye con una lunga intervista video realizzata insieme a Will Sheff che pubblicheremo a breve; The stage names è distribuito in italia da Wide Records.

Gigi Mutarelli
Gigi Mutarelli
Contatta la redazione di indie-eye scrivendo a:info@indie-eye.it // per l'invio di comunicati stampa devi scrivere a cs@indie-eye.it // per l'invio di materiale promozionale puoi spedire a: INDIE-EYE | VIA DELLA QUERCIOLA N. 10 | 50141 | FIRENZE //

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Massimiliano Larocca – Cose che non cambiano – il video d’animazione di Enrico Pantani e Diego Woz Ribechini

Dai suoi acquerelli, Enrico Pantani anima insieme a Diego Woz Ribechini il video di "Cose che non cambiano" per Massimiliano Larocca. La recensione della clip

Luci di Wood – La Zanzara, il videoclip di Saiara Pedrazzi

La Zanzara, il primo videoclip dei Luci di Wood, diretto da Saiara Pedrazzi

Debora Petrina – il video di Princess realizzato da Roberto Battista

Il video di "Princess" realizzato da Roberto Battista per Debora Petrina con i disegni di Aya Nambu

Woods, Death Rattles, il video

Il nuovo video di Sophia Peer girato per i Woods, Death Rattles è tratto dal loro recente At Echo Lake

Justin Timberlake – Mark Romanek dirige il video di Can’t stop the feeling

Mark Romanek dirige il video di Can't stop the feeling per Justin TImberlake. In linea con gli ultimi suoi video, attentissimi studi sul colore e il loro legame tra corpo e ambiente, realizza una clip suburbana e à la Jonathan Demme

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015