giovedì, Ottobre 29, 2020

Shannon Wright: Let in the light

Can we please forget the pain
Can we please forget today

(Defy this love)

let_in_the_light.jpgInsieme a Lisa Germano e pochi altri, Shannon Wright è tra i compositori contemporanei che riescono a rappresentare il dolore attraversando la visione materica del suono; occhio tattile che accarezza timbri e colori oscuri sfruttando la voce come un rilevatore con cui wurlitzer, organo, chitarra entrano in una risonanza tensiva e con-fusa. Gli episodi più brevi di Dyed in the wool raggiungevano in forme concise una saturazione che alludeva all’apertura e non al riempimento; momenti sonori s/legati dalla tirannia delle liriche, piccoli dispositivi disincarnati dal testo e proiettati verso il suono e l’immagine, qualità visionaria della voce. Let in the light arriva dopo la collaborazione di Shannon Wright con Yann Tiersen, l’attrazione più probabile tra due mondi che sono stati definiti inconciliabili, per una diffusa incapacità di distinguere il testo dall’immagine. Yann Tiersen è alchimista di piccole risonanze, gioca con timbri e imperfezioni verso l’azzeramento e l’erosione del movimento tematico, nonostante il tema figuri come l’attrattore principale della sua musica. Shannon Wright e Yann Tiersen non potevano che trovarsi, banalmente, per raccontare mondi sonori molto simili e fortunatamente lontani anni luce dal cinema “del tutto in campo” che Tiersen ha attraversato. Let in the light si sviluppa a partire da questo bradisismo dei suoni sbarazzandosi quasi completamente di quella tensione verso la risonanza che ha caratterizzato buona parte della produzione di Shannon Wright; in un certo senso lo scheletro Kurt Weill si percepisce con spietata chiarezza, ma è un effetto della separazione netta dei suoni, di un pianoforte che regola la scansione spaziale e desertifica quasi tutti i brani. Defy This love mostra da subito il volto della nuova Shannon Wright; la semplificazione degli elementi è introdotta da un arabesque che potrebbe essere una Gymnopédie oscura o una versione del Charles Valentin Alkan più satanico radicalizzata e disossata dal virtuosismo. Dentro questa geometria escheriana il lavoro lirico di Shannon Wright ferisce veramente per la prima volta, perché nell’osservare gli effetti della luce in una danza della parola semplice e diretta, il cuore e il core della sua musica si scarnificano completamente. St. pete si incunea accentuando gli effetti dell’elettricità come potenza, apparentemente la stessa che possiede tutto Over The sun, ma con questa pulizia cronometrica di cui si parlava. Del resto, gli archi presenti nella sezione conclusiva di You Baffle me, emergono da una distanza siderale, un non luogo che potrebbe far parlare di arrangiamento funzionale al solito cialtrone distratto, o forse insensibile al potere della distrazione. Il Lennon di You Baffle Me si lega alla forza melodica di When The Light Shone Down, cardiogramma vocale dove Shannon evita il grido e la distorsione e ci (dis)perde in un tracciato semplice ed emozionale, ancora, qualità visionaria della voce, la stessa che in Steadfast and True libera il verseggiare più vicino al suo universo e nella bellissima Louise elabora una versione essenziale e terrifica di quello Tierseniano, controllo doloroso dello stato di sogno capace di recuperare la risonanza con effetti sublimi e subliminali, attraverso il montaggio interno delle parole che collidono e slittano She’s barren / She’s bare / She stares at me / She’s frozen in my memories / In my memories / In my memories.
Questo oggetto scuro e ricco di venature, scolpito nella qualità di un suono luminoso chiude e si apre verso il brano più semplicemente “bello”, più pop e allo stesso tempo Dylaniano di tutto Let in the light, Everybody’s got their own part to play è fluire dolce e concitato della parola You ought to know by now / Nobody’s coming to make a sound / You take the fork to your mouth / Have no shame / Try to contain; trasduzione del cantato verso l’eco (anche percepibile) di un soul fuori dal tempo, è il racconto intimo di una nuova Shannon Wright.

Oh, everybody’s got their own part in their own play
And I wish I could pour some salt on this tepid rain


Let in the light
è distribuito in Italia da Widerecords ed è previsto per l’8 di maggio, data di uscita dell’edizione americana pubblicata da Tgrec/Quarterstick. Il cd è invece già disponibile per il mercato francese grazie a Vicious Circle. Il profilo ufficiale myspace di Shannon Wright mantenuto dalla stessa Vicious Circle è consultabile presso questo link; da Let in the light è presente Defy this love per l’ascolto in streaming,

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.
Articolo precedenteISLAJA: ULUAL YYY
Articolo successivoLow: Drums And Guns

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Goldie Hawn il video di Alia diretto da Stefano Poggioni

Goldie Hawn è il nuovo video di Alia

Got It – Complottisti, il videoclip di Michele Cadei che guarda a Gondry e Godley & Creme

I Got It sono un trio trentino tra rap, hip hop e Jazz. Michele Cadei un regista italiano con base a Londra. Insieme realizzano il video di "Complottisti", divertentissima satira e omaggio ai mondi possibili di Michel Gondry e dei geniali Godley & Creme. In esclusiva lancio su Indie-eye Videoclip

The Faint – help in the head : il video di Tim Nackashi

Il prolifico Tim Nackashi gira un nuovo video, questa volta per The Faint

Morning Parade – Alienation: il video di Christopher Mills

Nuovo bellissimo video di Christopher Mills per Morning Parade

Ellie Goulding – il video di Goodness Gracious diretto da Kinga Burza

Splendido nuovo video per Kinga Burza, una delle videomaker più importanti degli ultimi dieci anni; Goodness Gracious per Ellie Goulding è video-pittura in movimento.

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015