giovedì, Luglio 18, 2024

The Amplifetes – s/t (Playground Scandinavia / Amp Music, 2012)

Dalla Svezia un disco che novità non è più, ma che permette di consolidare la presenza di questo quartetto in Italia (dove già avevano suonato a giugno dell’anno scorso), il quale è già riuscito a collaborare con i nomi giusti e con le canzoni migliori. Questo eponimo ha quasi due anni, e i singoli principali sono stati rilasciati già da tempo, ma ciò non toglie che la loro presenza in stile glam-freak (scusate il neologismo, ma come li chiamereste dei capelloni che fanno electro-pop dove il leader ha l’aspetto di Jarvis Cocker e il fisico di Jack Black?) sia fuori tempo massimo. Da queste dodici tracce traspare la vena indie, ormai in via di disseccamento, soprattutto nei campionamenti in stile Phantogram: Whizz Kid recupera On The Road Again dei Canned Heat, Somebody New omaggia i Justice che furono, A Million Men i Tokyo Police, Blinded By the Moonlight un pò i Digitalism un pò gli ELO, Fokker l’eterna Donna Summer e il fido Moroder, e via dicendo. Più che per le sonorità quindi dovremmo omaggiare questi svedesi per l’uso della forma canzone che ne fanno: prendono suoni, ambientazioni e atmosfere per soggiogarle alle loro melodie lievi e molto pop. Come dei Kanye West bianchi, prendono in prestito canzoni altrui per celebrarle da un altro punto di vista. E se poi credete che in questo non ci sia niente di difficile, ascoltatevi gli invecchiati presto e male Apples in Stereo.

Elia Billero
Elia Billero
Elia Billero vive vicino Pisa, è laureato in Scienze Politiche (indirizzo Comunicazione Media e Giornalismo), scrive di dischi e concerti per Indie-eye e gestisce altri siti.

ARTICOLI SIMILI

GLOAM SESSION

spot_img

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img