domenica, Settembre 27, 2020

Toti Poeta – L’ora di socialità (Malintenti Dischi, 2012)

Se a scuola si fosse prevista un’ora di socialità, forse le vicende cui prendono parte gli essere umani avrebbero beneficiato di qualche linea guida, o utili indicazioni di comportamento. Certo, alcuni sarebbero stati ripetenti a vita, altri si sarebbero barcamenanti con invidiabile disinvoltura e altri ancora l’avrebbero evitata, sciorinando scuse di rara immaginazione. Questo per dire che le trame che aggregano e disgregano gli esseri fra loro, sono e restano un bacino esplorabile all’infinito, e quando la riflessione (o la capacità dei soggetti di condurne una) innesca il discorso, allora si creano dei racconti attorno al mondo che possono assumere diverse forme. Quella scelta da Toti Poeta, è quella della canzone. Cantautore siciliano, affine per percorsi artistici a Nicolò Carnesi ed Oratio, Toti Poeta presenta per la Malintenti Dischi, L’Ora di Socialità a quattro anni dalla pubblicazione de Lo Stato delle Cose. A differenza del precedente lavoro, il nuovo album si orienta verso la sfera del pubblico e del tema sociale scandagliando, traccia dopo traccia, alcuni dei motivi ricorrenti di quell’abitudine consolidata che passa sotto l’espressione dello stare-al-mondo. Dieci tracce attraversate da un intento politico nemmeno troppo celato o offuscato. In realtà, emerge chiaramente il desiderio di Toti Poeta di appropriarsi dei discorsi, di riportare i ragionamenti alla concretezza dell’esempio, ancorando il tutto non tanto al vissuto personale, quanto a quello della collettività.

Ne sono esempio Faccio di Tutto (colonna sonora della campagna per il referendum sull’Acqua pubblica) o la title track, che descrive il vivere all’interno degli ospedali psichiatrici giudiziari. L’elenco continua, insinuandosi fra i chiacchiericci e le speculazioni conseguenti ad eventi quali la distruzione di un terremoto (Quel che rimane che può contare della partecipazione di Roy Paci), fino a giungere alla presa di coscienza dei propri limiti e delle proprie paure (Al di sopra di me).

Forti i richiami ad alcuni nomi del cantautorato italiano che risuonano nell’album; Samuele Bersani (L’arresa), Max Gazzè (La Comprensione), Daniele Silvestri (Non Succederà, Riparto da Noi). Dieci tracce corredate e impreziosite da raffinati arrangiamenti e dalle voci degli archi, in cui la parola, e quindi i testi, rappresentano la chiave di volta per l’ascolto dell’album.

Giulia Bertuzzi
Giulia Bertuzzi
Giulia vede la luce (al neon) tra le corsie dell'ospedale di Brescia. Studia in città nebbiose, cambia case, letti e comuni. Si laurea, diventa giornalista pubblicista. Da sempre macina chilometri per i concerti e guadagna spesso la prima fila.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Metropol Parasol – I.N.N.O. – il video di Giacomo di Luise e Gioacchino Magnani

Per lanciare il primo album dei viareggini Metropol Parasol, la crew Red Box realizza un video "readymade" interpretato dal notevole artista Pisano Orlando Procopio

77 Boa Drum, il DVD e un teaser trailer

Era il 2007, i Boredoms mettono in piedi un ensamble di 77 batteristi, Thrill Jockey fa uscire un documentario a settembre

I Migliori Videoclip Italiani del 2019: Una questione di stile, ovvero “Questo amore è una camera a gas”. La selezione di Michele Faggi

Dieci pezzi "difficili", i dieci migliori videoclip italiani del 2019. Una selezione di Michele Faggi per Indie-eye. Tutta una questione di "stile" con i video di C'Mon Tigre + Sic Est per C'Mon Tigre, Chiara Chemi per Amerigo Verardi, Elide Blind per Cadori, Valentina Galluccio per Giovanni Truppi, Bendo Films per Canova, Dione Roach per Stone Larabik e Jail Time Records, Giorgio Di Pasquale per Nevrorea, No Text Azienda per Night Skinny, Gabriele Ottino e Paolo Bertino per Andrea Laszlo De Simone, Giacomo Fabbrocino per Ferraniacolor

Daniele Silvestri: “Aria” – Si esce morti dal Carcere?

Dal lavoro quotidiano di informazione svolto da Ristretti Orizzonti, fino alle testimonianze sul campo di persone come Vincenzo Russo, cappellano di Sollicciano, ci arrivano notizie inquietanti sulla condizione dei carcerati e i rischi che la popolazione ristretta sta correndo in questi giorni di emergenza epidemiologica. Più dell'inno di Mameli ci è venuto in mente uno splendido brano di Daniele Silvestri, ancora adatto per commentare la disumana discarica sociale del carcere. Aria.

Ti porto a cena con me: il video di Giusy Ferreri diretto da Gaetano Morbioli

Gaetano Morbioli comincia a collaborare con Giusy Ferreri dal 2009, realizzando il video per "La scala", negli anni successivi sempre per la cantante di...

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015