mercoledì, Settembre 30, 2020

Wolf Parade: At Mount Zoomer

At Mount ZoomerCi avevano fatto stare un po’ in pensiero i Wolf Parade. Per quanto i quattro canadesi non abbiano mai cessato di negare qualunque tentazione di split, i numerosi progetti collaterali e soprattutto la notorietà raggiunta dai Sunset Rubdown di Spencer Krug (un album su Jagjaguwar l’anno scorso) lasciavano serpeggiare ugualmente una certa inquietudine attorno al loro nome e soprattutto tra quanti avevano amato il precedente “Apologies To The Queen Mary” (Sub Pop, 2005). Insomma, non si può dire che siano stati con le mani in mano i Wolf Parade, semplicemente si son presi il tempo di cui avevano bisogno per comporre e registrare questo nuovo “At Mount Zoomer”, con l’intento dichiarato di non ripetersi. Per dirla con le parole dello stesso Dan Boeckner, cantante e chitarrista della band: “We could have easily made another ‘Apologies…’ but what would have been the point?” Si ricomincia da capo e dunque si ricomincia da Montreal, ospiti degli Arcade Fire e affidando la produzione al batterista Arlen Thompson, i Wolf Parade danno vita a questa secondo album per Sub Pop che effettivamente segna un importante cambio di rotta nel suono della band. Sebbene dal punto di vista melodico continuino a muoversi sul sentiero tracciato da David Bowie, Pixies e Modest Mouse, per ciò che concerne gli arrangiamenti ora si rivolgono a un suono più morbido e rotondo: dimenticate le distorsioni più ruvide, in “At Mount Zoomer” tutto suona più gentile ed educato, anche le strutture e i ritmi dei brani sono più tradizionalmente rock senza rinunciare a qualche discreta e improvvisa incursione ‘prog’. La qualità delle composizioni resta al di sopra della media e non mancano gli episodi più epici e coinvolgenti (“Bang Your Drum” e “California Dreamer” su tutte, e piace anche l’appeal dance di un brano come “The Grey Estates”), ma tuttavia “At Mount Zoomer” difficilmente riuscirà a smarcarsi dall’etichetta di ‘album di transizione’: il nuovo corso si intuisce più che altro come possibilità e non ancora come vera e propria svolta. In questo senso le novità più interessanti potrebbero venire proprio da questo interessante ibrido indie-prog che però vede la forma compiuta solo negli oltre dieci minuti della conclusiva ed entusiasmante tirata finale di “Kissing The Beehive”. In ogni caso il futuro è più prossimo e si chiama “At Mount Zoomer”, esce il 17 giugno ed è un gran bel disco.

Gigi Mutarelli
Gigi Mutarelli
Contatta la redazione di indie-eye scrivendo a:info@indie-eye.it // per l'invio di comunicati stampa devi scrivere a cs@indie-eye.it // per l'invio di materiale promozionale puoi spedire a: INDIE-EYE | VIA DELLA QUERCIOLA N. 10 | 50141 | FIRENZE //

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Parola Vera – Porta Rispetto: Il videoclip e la musica di Mattia Verani, tra strada e verità

"Parola Vera" l'intervista al rapper fiorentino e al videomaker CPDSGNJOINT

Gianluca Riccieri dirige “Ti Sveglierò in Aprile” per i Miqrà tra le strade di Caltagirone

Gianluca Ricceri dirige Giovanni Timpanaro, voce e propulsore creativo dei Miqrà, a bordo di una giulietta e realizza un originale ritratto del paese reale. Il videoclip di "Ti Sveglierò in Aprile"

Daniele Silvestri: “Aria” – Si esce morti dal Carcere?

Dal lavoro quotidiano di informazione svolto da Ristretti Orizzonti, fino alle testimonianze sul campo di persone come Vincenzo Russo, cappellano di Sollicciano, ci arrivano notizie inquietanti sulla condizione dei carcerati e i rischi che la popolazione ristretta sta correndo in questi giorni di emergenza epidemiologica. Più dell'inno di Mameli ci è venuto in mente uno splendido brano di Daniele Silvestri, ancora adatto per commentare la disumana discarica sociale del carcere. Aria.

The Afghan Whigs – Matamoros: il video di Phil Harder

Nuovo video per The Afghan Whigs diretto da un veterano come Phil Harder

Moby – Mere Anarchy – il video post apocalittico diretto da Rob Gordon Bralver

Moby, Mere Anarchy. Il bel video in bianco e nero di Rob Gordon Bralver. Tra fantascienza anni settanta e documentario scientifico

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015