venerdì, Gennaio 27, 2023

Enrico Farnedi – Ho lasciato tutto acceso (Brutture Moderne, 2011)

Un altro buon cavallo su cui puntare proviene dalle scuderie Brutture Moderne, si chiama Enrico Farnedi e suona l’ukulele, strumento non propriamente tipico delle lande romagnole dalle quali proviene, come una chitarra elettrica. C’è dell’esperienza dietro a questi frammenti di vita in musica, la capacità compositiva di Ho lasciato tutto acceso è notevole nonostante suoni tutto terribilmente pop. Non staremo comparando certo questi pezzi a robe come l’ultrainflazionata cover di Somewhere Over the Raimbow; ma si fa sentire la dolcezza un po’ afflitta da perdente che prima di abbattersi stilla lacrime sulla chitarra. E infatti Quanto piangere parla di serate sconsolate in balera a ragionare di disgraziati al proprio pari (ma guarda che triste sto mondo / che sembrano un lusso tre giorni di ferie), nella stessa estate disperata di Ci penserò lunedì, tra la voglia di sagra di lumache di Salsa di lumache (stupida e bellissima) e i ricordi che vanno a chi non c’è più di Lena. Ukulele in ogni dove, basso e qualche aiuto sulla sezione ritmica e sui cori danno vita a un microcosmo popolare e amabile, di cui già Cesena ci aveva già dato prova, condito da un po’ di vaudeville, del pop rock e delle sonorità mariachi (da notare la somiglianza tra la già citata Quanto piangere con Cielito Lindo). Di tutto un po’, ma fatto a mano e con cura.

Elia Billero
Elia Billero
Elia Billero vive vicino Pisa, è laureato in Scienze Politiche (indirizzo Comunicazione Media e Giornalismo), scrive di dischi e concerti per Indie-eye e gestisce altri siti.

ARTICOLI SIMILI

GLOAM SESSION

spot_img

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img