giovedì, Ottobre 1, 2020

TheHouseofCaps! – Nicolao (Mizar Records, 2010)

I TheHouseofCaps! o più semplicemente ThoC! riducono tutte le poche, ma significative, estensioni grette del lavoro precedente per dedicarsi esclusivamente a un pop rock leggero e senza sorprese. In questo Nicolao i synth e il groovebox hanno la meglio e dettano legge a basso, chitarra e batteria, che rigano dritto lungo geometrie inequivocabili: cassa dritta e pedalare potrebbe essere un motto azzeccato. Gran parte delle tracce si assesta sui tre minuti di lunghezza, il necessario per un singolo radiofonico. La scelta è molto vasta: l’apripista 1000 reasons ricorda i Low-Fi ma con più attitudine dance e i Franz Ferdinand dark degli esordi; garda deutsch è un improbabile medley BluvertigoKraftwerk (con le dovute distanze, infatti si canta “and i am not a machine”), mentre vampire copia i Dead 60s. Va meglio con qualche cambio di tonalità come con 2 fingers up! e la malinconica happiness will come in summer. Il picco arriva improbabilmente quando si sfocia nel demenziale della title-track: ao ao ao das ist gut nicolao è un ottimo biglietto da visita per sconquassare le classifiche. E se ce l’ha fatta Ein Zwei Polizei non vedo perchè non dovrebbero riuscirci loro. Il crollo arriva alla fine con patty party, sdolcinato fuori tema che non aggiunge niente al lotto delle tracce precedenti. Alla fine di questa mezz’ora di ascolto il giudizio rimane incerto. Se la direzione intrapresa è precisa e convinta, il risultato lo è molto meno. C’è il rischio che la concretezza passi in secondo piano rispetto al volere far ballare a tutti i costi. In questo riesce bene la canzone nicolao, che con zero pretese affonda nei pensieri dell’ascoltatore. Le undici tracce delineano altrettanti percorsi diversi: sta al gruppo scegliere qual’è la più congeniale e personale per loro. Per adesso, il giudizio è sospeso. L’unico consiglio, anzi, apprezzamento riguarda l’uso del tedesco: insolito e originale per un gruppo formalmente italiano.

THoC! su myspace

Elia Billero
Elia Billero
Elia Billero vive vicino Pisa, è laureato in Scienze Politiche (indirizzo Comunicazione Media e Giornalismo), scrive di dischi e concerti per Indie-eye e gestisce altri siti.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

The Star Pillow – il video di “no more beige sunday”

"No more beige Sunday" uno dei lavori di Roberto Beani per The Star Pillow

Denai Moore – Cascades – il videoclip di Samuel Douek: l’inconscio è come un set

Il regista e architetto londinese Samuel Douek si ispira al cinema surrealista degli anni trenta per il video di "Cascades" diretto per Denai Moore

Harlem, someday soon, il video

Il terzo video tratto da Hippies degli Harlem, uscito per Matador, è Someday soon; diretto da Aaron Brown & Ben Chappell sotto il moniker di Focus Creeps

The New Bardots – Yummi Yummi Yummi: il videoclip d’animazione di Bruce Wilkins

Bruce Wilkins dirige il video d'animazione per The New Bardots: Yummi Yummi Yummi

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015