Indie-eye – VIDEOCLIP – Testata Giornalistica di Musica & Immagini

To be played at maximum volume: Playlist eccessiva e monumentale come l'Heavy Metal, quella di Federico Fragasso. Dal 1976 al 1984. Una pietra miliare da avvicinare liberi da pregiudizi e dagli intralci dettati dal buon gusto 

Di

Intorno alla metà degli anni ’70, la deriva più pesante del rock si emancipa dal suo progenitore, e comincia a essere identificata come un genere a sé.

I semi piantati alla fine del decennio precedente da un manipolo di artisti visionari – in primis, i Black Sabbath dell’era Ozzy – germogliano così nell’Heavy Metal. La nuova bestia recide definitivamente i legami con il blues – che ancora denotavano l’hard rock – esasperando al contempo i propri tratti di pesantezza e aggressività.

Ne scaturisce una musica fatta di estremi: riff di chitarra lancinanti, doppie casse, voci istrioniche, testi epici, attitudine larger than life, look provocatorio in pelle e borchie.

Questa playlist, eccessiva e monumentale come l’Heavy Metal stesso, vuole suggerire uno dei possibili percorsi d’ascolto per inquadrare il genere e le sue caratteristiche fondamentali.

Gli anni che vanno dal 1976 al 1984 circa, infatti, coincidono con l’età d’oro dell’Heavy Metal: vedono questa musica nascere, prendere coscienza di sé ed evolversi fino alla piena maturità, che precede di poco il frazionamento in una miriade di sottogeneri e ulteriori evoluzioni. Da ascoltare al massimo volume, liberi dai pregiudizi e dagli intralci dettati dal buon gusto.

 

Federico Fragasso

Federico Fragasso

Federico Fragasso è giornalista free-lance, non-musicista, ascoltatore, spettatore, stratega obliquo, esegeta del rumore bianco