giovedì, Settembre 24, 2020

Sycamore Age – Sycamore Age: la recensione

Così come il bell’artwork, che vede campeggiare su un fondo nero una sorta di rosone gotico in realtà composto da farfalle, anche il suono dei Sycamore Age (il cui nucleo centrale è rappresentato da Stefano Santoni, Francesco Chimenti, Davide Andreoni, circondati da un gruppo di polistrumentisti) si presta a più di un’interpretazione, a più di una lettura. Anche il suono sembra affiorare da uno spazio scuro, indistinto, da cui gli strumenti emergono uno per volta: che siano acustici o elettrici o elettronici; che siano voci, battiti di mani o utensili di vario genere, ognuno è isolato, unico, con un vuoto intorno che pare infinito. C’è lo spirito della Young God ad aleggiare: qualcosa tipo primi Akron Family o gli Angels of Light o glistessi Swans di oggi: un folk nero ma non monolitico; apocalittico ma anche sornione. Forse c’è il caos calmo degli Okkervill River ed i Flaming Lips in riverbero di The soft bulletin. Forse il glamour antracite dei Paper Chase. Si scorge in nuce il ricordo dei Bartòk e, di conseguenza, di certa avanguardia contemporanea e di certa new wave legate insieme. C’è il reflusso psichedelico di lauti banchetti hard/blues che poggia The soundtrack of our lives su gighe elettroniche Animal Collective ed un canto invocante muse d’Albione (Thom Yorke?) ma di più ampie vocazioni europee (e di genoma italo). E si potrebbe continuare a richiamare assonanze potenzialmente all’infinito, giacché ogni volta qualcosa sembra sfuggire dall’inquadratura, volare via, in un’altra direzione, come le farfalle che finalmente si liberano nell’interno di copertina. Ed allora i riferimenti, veri o presunti, mutano, si/ti contraddicono e tutto è da riformulare. Laddove il pianoforte conduce su maree oscure e gli archetti dicono di passati classici, i synth scompaginano e conducono altrove ma non è dato sapere dove (Binding Moon). Quando è l’isteria a prendere il soppravvento, le frequenze vanno in acido, ci si avvicina al vaudeville e di colpo stasi; ma basta un guaire di fiati e si sprofonda in una statica ansiogena (My bifid syrens). Quando si è felici, invece, (Happy!!!, appunto, ma anche At the biggest tree) lo si è alla maniera dei nordici: si canta in gruppo, si battono le mani, solo le chitarre si distorcono un po’. Poi, il countdown di Dark and pretty part two e Dark and pretty, dai beffardi languori di grammofono ‘900: rotta da clangori e sospiri industriali, la prima in ordine d’apparizione; sorretta da barocche miniature acustiche, la seconda. La batteria incede marziale e rotolante, l’elettronica s’insinua sommessa ma incidendo profondamente sulle strutture: ora per disegnare mazurke lynchane (Astonished birds e Kelly!!!); ora per contrastare gli evocativi arpeggi sintetici dell’unico brano esclusivamente strumentale (How to hunt a giant butterfly). Poi c’è il pezzo pop, a suo modo, che non a caso fa anche da singolo (Heavy Branches), che riprende tutte le suggestioni del disco e le sintetizza in un’immediatezza sofferta ma lieve: un caleidoscopio dalle tessere tutte grigie. Questi sono i Sycamore Age, con i loro trascorsi; con le loro già lunghe ed importanti esperienze, maturate singolarmente ed in gruppo, come l’esser stati invitati al prestigioso Popkomm festival di Berlino; con il loro bagaglio di competenze e conoscenza. E questo è il loro esordio ed è difficile pensare ad un esordio più sentito, compiuto e compatto. Ben pensato e prodotto. Dagli arrangiamenti ricercati ed oscuri, grazie ai quali, anche gli equilibri più delicati, riescono a mantenersi saldi; che fanno trattenere il fiato, muovendo all’attesa angosciosa di quel colpo di scena che, alla fine, puntualmente, arriva.

 

Alessio Bosco
Alessio Bosco
Alessio Bosco - Suona, studia storia dell'arte, scrive di musica e cinema.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Ferraniacolor – Illustrated ABC / Alfabeto Illustrato: il videoclip di Giacomo Fabbrocino

Giacomo Fabbrocino, fondatore della scuola Pigrecoemme, montatore, colorist e regista, dirige "Alfabeto Illustrato", il videoclip per i Ferraniacolor, ovvero il nuovo progetto dei napoletani Marco Alfano e Luca Zarrilli, due nomi storici della new wave italiana.

Mrzyk & Moriceau: G.I. Jane (Fill me up) il video porno erotico per Jackson & his computer band

Mrzyk & Moriceau, i notevolissimi illustratori Francesi, autori anche di bellissimi videoclip, tornano con una delle loro produzioni più estreme, divertenti e porno

77 Boa Drum, il DVD e un teaser trailer

Era il 2007, i Boredoms mettono in piedi un ensamble di 77 batteristi, Thrill Jockey fa uscire un documentario a settembre

The Star Pillow: L’Italia astrale nel video di Sleeping Dust

Sleeping Dust, nuovo video per The Star Pillow: un travelogue

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015