Indie-eye – VIDEOCLIP – Testata Giornalistica di Musica & Immagini

Un disco di titoli di coda, quello degli Electric Youth: quando i sequencer hanno un'anima, è perché gliel'hanno donata il duo canadese. A primo impatto smielato, Innerworld si rivela un disco d'eccezione sul finale. La recensione di Elia Billero 

Di

Nello spulciare informazioni sugli Electric Youth, duo attivo dal 2009, durante l’ascolto dell’esordio chiamato Innerworld uscito solo in questi giorni, ho trovato la loro collaborazione con i College per la colonna sonora del film Drive, pseudonimo del francese David Grellier. A Real Hero, si chiamava la canzone, un mantra di pochi minuti. Ne sono rimasto innamorato tanto da abbandonare l’ascolto della formazione canadese e buttarmi sulla discografia del dj consociuto anche per i Sexy Sushi.

Mai decisione fu più sbagliata. Le due formazioni hanno molto in comune, e non è molto elegante fare paragoni, specialmente per dei nuovi arrivati. È natuale che l’electro-synth pop su cui si cimentano ambedue le formazioni, suona spesso meglio nella variante strumentale del dj francese, ad esempio nell’ultimo lp del 2013 Heritage. Ma i canadesi Electric Youth hanno qualcosa in più.

Quel qualcosa è in realtà qualcuno, Bronwyn Griffin. La sua voce delicata ma non algida si sposa perfettamente con le proiezioni in musica del sodale Austin Garrick. È chiaro che bisogna aver passione per i sequencer e quelle Roland, fulcro portante di tutte le composizioni. Ma pure i meno scafati, se riescono a superare la prima parte smielata del disco, troveranno la loro favourite track. Potrebbe essere If all she has is you, talmente stringata negli arrangiamenti e basilare nel suo andamento da sembrare una canzone da karaoke. Ma anche la seguente The best thing, partorita forse da Barbra Streisand. Mentre Another story riprende qualche legame con i Daft Punk di Discovery. Tomorrow si dimostra il top del kitsch delicato. Verso la fine del disco si apre verso una dimensione da pop pubblicitario, molto interessante. Innerworld è un disco di titoli di coda: Moroder del 1984 sarebbe fiero di questi nipotini.

L’ascolto è consigliato nella versione deluxe, con ulteriori momenti in stile ‘La storia infinita’.

Electric Youth
Innerworld

Secretly Canadian, 2014 | electro, electro pop, synth pop, italo disco,
TRACKLIST:

Before Life | Runaway | WeAreTheYouth | Innocence | Without You | If All She Has Is You | The Best Thing | Tomorrow | Another Story | She's Sleeping Interlude | A Real Hero | Outro

 

Elia Billero

Elia Billero

Elia Billero vive vicino Pisa, è laureato in Scienze Politiche (indirizzo Comunicazione Media e Giornalismo), scrive di dischi e concerti per Indie-eye e gestisce altri siti.