Indie-eye – VIDEOCLIP – Storia e Critica dei Video Musicali

Rock Contest, l'edizione numero 26. Moltissime iscrizioni e una serie di novità e vantaggi per i vincitori. La finale è prevista per il 13 dicembre all'Auditorium Flog, come ogni anno. Presidente della giuria è Cristina Donà, mentre i super ospiti della finale, sono gli A Toys Orchestra 

Di

Rock Contest, anno 26. Potrebbe sembrare l’età di un giovane precario e invece è il numero che indica la longevità del concorso nazionale per band emergenti più importante della penisola, sicuramente grazie ad una serie di caratteristiche e qualità che fanno della kermesse fiorentina una delle vetrine più importanti per la musica di qualità del nostro paese.

Proseguiamo con i numeri: 650 band iscritte provenienti da tutta Italia, un record senza mezzi termini che premia una manifestazione importante, gratuita, trasparente e con un motore promozionale efficientissimo.

I gruppi selezionati sono 36, e quest’anno provengono dalla Campania, Puglia, Emilia, Lombardia e Toscana, in un mix di generi che spazia dall’hip hop, passando per il folk, lo shoegaze di derivazione anni ’90 e i suoni ispirati agli anni  ’80.

Mentre il Tender Club sta ospitando le serate eliminatorie che si concluderanno con le semifinali del 27 novembre e del 4 dicembre, si sono avviati i preparativi per la finalissima del 13 dicembre, come ogni anno allestita presso l’Auditorium FLOG di Firenze.

Ospiti d’onore della serata gli “A Toys Orchestra“, che porteranno sul palco fiorentino i brani dello loro ultimo album, “Butterfly Effect“, pubblicato recentemente da Urtovox Records e recensito su indie-eye da questa parte.

La giuria, come ogni anno, sarà costituita da un gruppo di giornalisti di settore, responsabili di etichette, musicisti, addetti ai lavori, tutti scelti nel contesto del panorama indipendente italiano e incaricati di scegliere il vincitore tra le 6 band che si esibiranno durante il 13 dicembre.

Presidente della giuria quest’anno è Cristina Donà, il cui nuovo album Così Vicini, è da poco uscito; la musicista di Rho consegnerà al vincitore il Premio Ernesto De Pascale, insieme a  Giuseppe Barone (Controradio), Giulia Nuti e Michele Manzotti (Il Popolo del Blues)

Numerosi i premi destinati al vincitore; oltre alla possibilità di incidere in uno studio di registrazione di qualità (Sam Recording Studio) per la realizzazione di un album distribuito da Audioglobe, sono incluse la produzione di un videoclip musicale e  la possibilità di suonare in tutta Italia grazie alla rete del circuito KeepOn.

Ma non è tutto, perchè  tutti i gruppi finalisti e semifinalisti saranno inclusi nel CD compilation del Rock Contest 2014, mentre i finalisti avranno diritto ad un tutoraggio di un anno curato dallo stesso staff della manifestazione.

I migliori gruppi pubblicheranno inoltre i loro album su l’etichetta Rock Contest Records, occasione professionalizzante nel percorso di ottimizzazione delle band che si avvicinano seriamente al mercato di settore.

 

Bruno Martini

Bruno Martini

Bruno: una laurea in scienze politiche, musica italiana tra gli ascolti principali, e un amore viscerale per tutte le british invasion