sabato, Agosto 15, 2020
Home breakingnews 3 Fingers Guitar - Rinuncia all'eredità: la vera urgenza del cantautorato

3 Fingers Guitar – Rinuncia all’eredità: la vera urgenza del cantautorato

Si parla spesso a sproposito di urgenza quando si deve descrivere la musica di giovani cantautori incazzati con la chitarra scordata, tanto da aver fatto diventare quasi un cliché la definizione e averla svuotata di vero significato. In questo caso, pur non conoscendo di persona Simone Perna, il musicista che si nasconde dietro il moniker 3 Fingers Guitar, sono disposto a mettere la mano sul fuoco sull’assoluta corrispondenza della sua musica al significato originario di urgenza, anche in assenza di scordatura. Credo infatti che sia praticamente impossibile scrivere testi radicalmente introspettivi come i suoi, cantarli sputandoli fuori dalle viscere e immergerli in atmosfere musicali così aspre senza avere una spinta profonda e reale alla base di tutto.

Lungo i sette brani, da Ingresso a Fine, che compongono Rinuncia all’eredità si snoda una storia tormentata , tra paura, disperazione, mancanza di punti di riferimento e ricerca di risposte che non arrivano mai, se non nel rifugio finale (quanto consolatorio? Probabilmente poco) dell’indifferenza, con testi capaci di coniugare semplicità ed elaborazione dando il giusto peso alle parole e puntando dritti al cuore (della questione, ma anche di chi ascolta) come ben pochi sanno fare nel cantautorato italico odierno.

Ad accompagnare la narrazione ci sono schegge noise selvagge, quasi uno Steve Albini semi-acustico (come in Ingresso, in P. e in Fine), lunghi blues catatonici debitori in qualche modo dei Bachi da Pietra (Rinuncia all’eredità), strumming da punk acustico (Fuga) e momenti più atmosferici che possono ricordare certo oscuro post-punk anni 80 (la lunga coda strumentale di L’unica via), con solo qualche momento di sollievo qui e là, quando il ritmo rallenta ma solo per poi esplodere in attacchi di rabbia sempre più decisi (esemplare in tal caso Fine).

Alla descrizione manca poi un altro elemento fondamentale: la voce di Simone, che si piega e si contorce dando ancor più forza alla disperata narrazione, passando da momenti parlati e gridati, più vicini alla scuola Succi che a quella Clementi, ma ancor più a una terza via più grezza e teatrale, ad altri cantati, ma anche in questo caso non in modo convenzionale, come se le parole venissero direttamente dall’anima tormentata dell’autore.

Se non è urgenza questa, ditemi voi cos’è.

Fabio Pozzi
Fabio Pozzi
Fabio Pozzi, classe 1984, sopravvive alla Brianza velenosa rifugiandosi nella musica. Già che c'è inizia pure a scrivere di concerti e dischi, dapprima in solitaria nella blogosfera, poi approdando a Indie-Eye e su un paio di altri siti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ECONTENT AWARD 2015

INDIE-EYE SHOWREEL

TOP NEWS

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

Duocane – Memorie dal Sottosuono, il videoclip di Stefano Capozzo

Memorie Dal Sottosuono, esempio combinatorio di videmaking. Il nuovo video dei Duocane

Aidan Knight – Veni Vidi Vici, il videoclip diretto da Ft. Langley: ode ai transgender e alle persone non-binarie

Ode ai transgender e a chi ha fatto scelte non binarie. Il nuovo singolo del canadese Aidan Knight è anche un video prodotto dalla premiatissima agenzia Ft. Langley