venerdì, Settembre 24, 2021

Hercules & Love Affair – My Offence: il video di Matt Lambert

Ho parlato con le persone che hanno partecipato al mio video per circa un’ora, e ognuna di loro aveva una differente relazione con la parola ‘fica’
Sono parole di Matt Lambert, filmaker e artista visuale interessato al rapporto tra identità e cultura digitale, e autore del progetto cross mediale noto come MEAT, realizzato insieme a Thomas Bo Nilsson, legato a doppio filo alla fisiologia Berlinese, non solo per il debutto allestito allo Schaubühne theatre, ma per il modo in cui riproduceva lo spazio cittadino dei club e di una certa nightlife. La nightlife gay è quindi ancora una volta il centro del nuovo video realizzato per Hercules & Love Affair, dove la forma scelta esce dai confini e dalle necessità promozionali per diventare una via di mezzo tra “clip” e documentario. Quello che è interessante non è semplicemente il modo in cui il turpiloquio diventa una riallocazione del concetto di identità per scuotere i limiti culturali imposti, come ha appunto aggiunto lo stesso Lambert, ma la sconnessione tra voce e corpo performativo che si verifica nel video. Le icone della nightlife gay newyorchese occupano un ruolo centrale come nei videoclip fine ottanta – inizi novanta, con quella frontalità tipica delle clip girate da J.B. Mondino o da Stéphane Sednaoui, mentre la testimonianza documentale si sovrappone come voce off. Si assiste quindi ad una funzione ritmica disgiunta su più livelli; visivo, sonoro, performativo e gestuale; tutti elementi che attraversano la storia del video musicale, ma che qui sono decostruiti per evidenziare la relazione sfuggente tra identità, realtà e linguaggio.

Con una radicalità non dissimile dal video realizzato da David Wilson, di cui avevamo parlato da questa parte, Hercules & Love affair confermano il loro interesse per il corpo performativo come territorio di ri-definizione dei processi identitari, all’interno della microstoria del video musicale.

Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img