giovedì, Settembre 24, 2020

Marea Festival, ricomincio dal 2012: 17ma edizione dal 22 al 30 giugno a Fucecchio

Per lo staff del Marea Festival il 2012 potrebbe essere ricordato come un anno importante, senza dubbio la 17ma edizione del noto contenitore culturale toscano, in programma presso la Buca del Palio di Fucecchio (Fi) dal 22 al 30 giugno, si presenta sotto il segno di un rinnovamento radicale, per il nuovo assetto del comitato direttivo, per il cambio di guardia nella direzione artistico-musicale del festival, passato da Reality Bites al gruppo Pratese di Fonderia CultArt, e per un recupero dello spirito più genuino della manifestazione legato al tessuto connettivo “aperto” del mondo associativo, materia umana e relazionale sulla quale l’intera manifestazione si regge e si è sviluppata in tutti questi anni. Chi ha vissuto le passate edizioni di Marea sa bene che quello che succede dentro l’area della Buca del Palio non si limita ai luoghi e ai palchi deputati del festival, ma viene disseminato in una comunicazione sempre viva tra gli stand delle molte associazioni presenti e una fruizione orizzontale e per certi versi innovativa degli spazi, tra musica, happening, teatro e arte open air. Durante la conferenza stampa di Marea, Sara Matteoli, assessore alla Cultura, Turismo, Politiche giovanili e Pari opportunità del comune Fucecchio ha sottolineato come non siano molti i festival che hanno una storia cosi lunga, una longevità che è “un punto di riferimento non solo per l’area Fucecchiese ma per tutto il territorio” e che da sola potrebbe giustificare l’appoggio incondizionato che il comune offre; anche per questo, a chi venisse il dubbio di una spesa sconsiderata in un momento storico come questo “dove far quadrare il bilancio per un’amministrazione è operazione molto difficile“, l’assessore Matteoli ricorda che Marea “non è solo un festival legato agli eventi musicali, ma è un luogo di rirovo e di idee, un’occasione di approfondimento per la popolazione giovanile che si colloca nel solco delle politiche del comune dedicate a questo; un primo punto di forza che ha garantito più di quindici anni di vita ad una manifestazione che ha cercato di fondarsi su un principio fondamentale, quello che i giovani devono e possono essere oltre che fruitori di un’offerta culturale, anche gli attori principali“.
Cheti Buselli, nuova presidentessa di un comitato Marea tutto al Femminile e in passato dentro”la buca” del festival con la sua associazione contro la vivisezione e legata ai diritti degli Animali, presenta il nuovo assetto, vera a propria antenna ricettiva di quello che accade nel territorio e che ha contribuito ai lavori per sviluppare l’edizione 2012; i nomi sono quelli del tesoriere Gloria Masuzzo , della segretaria Silvia Bicchi e della vice presidente del comitato, Elena Lenzi. Unica sopravvivenza del vecchio comitato, Emanuele Cripezzi, responsabile e guida del social team di marea, ovvero un gruppo di lavoro che prendendo le mosse dalla fisiologia naturalmente connettiva e relazionale di Marea ha approntato in questi lunghi mesi di lavoro tutta la presenza sociale Web 2.0 del Festival e il nuovo sito ufficiale della manifestazione, contenitore di memorie ma soprattutto una stazione virtuale che documenterà le numerose attività che si sviluppano in direzione apolide a partire dalla Buca. Proprio in questa direzione Cripezzi ha ricordato l’attitudine naturale di Marea, legata alla valorizzazione delle relazioni e ad un word of mouth strettamente connesso al territorio, possibilità e stimoli che per ovvie ragioni devono essere diffuse anche attraverso la rete; tra gli eventi di scambio “social” che Emanuele ha ricordato, l’incontro con Maurizio Landini, segretario della FIOM CGIL che verrà intervistato senza nessuna barriera legata alla fruizione dal gionalista Luca Telese presso l’anfiteatro della Buca, sul tema principale del festival, “Giovani, Lavoro e Sapere“, argomenti sui quali Marea stessa ha senz’altro qualcosa da dire se si considera il livello di cooperazione che è nato negli anni tra una lista infinita di associazioni attive sul territorio, che come ha ricordato Cheti Buselli, hanno avuto e hanno adesso più di prima un ruolo fondamentale nella re-invenzione dei processi e delle modalità d’accesso legate ai saperi, come alternativa possibile per affrontare le nuove criticità del lavoro; Cheti ha sottolineato come il dibattito interno ed esterno a Marea cercherà di affrontare anche quei lavori che sono stati accantonati per anni e che possono valorizzare per esempio,  un nuovo e inedito rapporto con la terra. Alberto Castellani di Fonderia CultArt, una cooperativa di Prato che opera nel settore culturale e dell’organizzazione eventi ha raccontato le modalità di scelta legate alla direzione artistica del festival, non solo eventi musicali quindi ma anche una forte attenzione al teatro, cercando di delineare un percorso coerente serata dopo serata nella scelta di eventi che in qualche modo potessero essere specifici nella ricerca delle affinità sonore, ma senza essere strettamente “a tema”. Tra le serate che ha ricordato: l’unica del lotto ad essere a pagamento, dedicata agli Africa Unite, sul palco principale il prossimo 29 Giugno, la prima serata del 22 Giugno dedicata alla musica funk d’autore con Sam Paglia e The Real Motherfucker e il concerto conclusivo che mette insieme i Guano Padano di Alessandro Stefana con il Thereminista di Vinicio Capossela, Vincenzo Vasi, sul palco preceduti dall’ottimo Tomme il prossimo 30 Giugno. Sempre a proposito di musica, nuova vita anche per il concorso Indie-Time che dopo lo standby dell’anno passato torna ad offrire un’immagine del panorama musicale indipendente locale e non; in programma due serate, la semifinale di Lunedi 25 Giugno e la finale del 27 Giugno; Elena Lenzi, coordinatrice del gruppo musica all’interno del comitato marea ha parlato del nuovo assetto legato ai premi, quest’anno ben quattro, con un primo e un secondo classificato, un premio rivelazione e uno dedicato ai migliori testi. Costruire un nuovo festival sembra quindi la missione principale del nuovo Comitato Marea cercando di allargare la proposta ad eventi non solo strettamente musicali, continuando allo stesso tempo ad investire su una manifestazione di lunga durata (9 giorni) con un palinsesto intrecciato su tre palchi (Main Stage, Anfiteatro e un palco più piccolo chiamato Groove Stage). Tra gli eventi “extra musica” da segnalare, oltre all’incontro tra Luca Telese e Maurizio Landini previsto per il prossimo 26 Giugno, alcuni appuntamenti teatrali tra cui “la signora Baba e il suo servo ruba” spettacolo di NIM (23 Giugno), Osser’s Gorp della compagnia Teatro BO (24 Giugno), e Schiavi in Mano!  il monologo tragicomico di  Norma Angelini e Fabio Monti prodotto da EmmeA Teatro con Kilowatt Festival in collaborazione con Regione Toscana.

Qui di seguito la lista completa dei concerti del Marea Festival e in calce, la scheda info con tutti i contatti utili della manifestazione.

Marea Festival Tutti i Concerti

Venerdi 22 Giugno: Sam Paglia Trio (funk/jazz/soul) – The Real Mother Funkers (funk/rythm’n blues/soul)
Sabato 23 Giugno – Grand Carabs (alternative/rock) – The Venkmans (elettronica/garage/indie) – Simone Piva e i Viola Velluto (rock)
Domenica 24 Giugno – S.u.S. (punk/tropicale) – The Talking Bugs (folk/rock/indie)
Lunedi 25 Giugno: Semifinale “Premio Indie Time 2012”
Mercoledi 27 Giugno: Semifinale “Premio Indie Time 2012”
Giovedi 28 Giugno: Saluti da Saturno (indie) – Granturismo
Venerdi 29 Giugno: Africa Unite (dub/reggae) – Ingresso € 10
Sabato 30 Giugno: Guano Padano (alternative) con Vincenzo Masi e Tomme

[box title=”Marea Festival 2012 – info utili ” color=”#5C0820″]

Marea Festival sito ufficiale
Marea Festival, Fanpage su Facebook
Marea Festival su Twitter
Marea Festival su Foursquare

Coordinamento e Gestione: Comitato Marea (Gloria Masuzzo, Silvia Bicchi , Elena Lenzi)
Donor: Comune di Fucecchio
Partners: Accademia della Pubblicità di Fucecchio (Touchlab) e Fonderia CultArt di Prato
Presidente: Cheti Buselli
Direzione Tecnica e Artistica: Fonderia CultArt
Responsabile delle relazioni con le associazioni della zona e con le istituzioni: Emanuele Cripezzi
Ufficio Stampa a cura di 5avi.net e del social Media Team di Marea: Andrea Bachini, Emanuele Cripezzi, Michele Volterrani, Samuele Iula.

[/box]

Redazione IE
Redazione IE
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it || per l'invio di comunicati stampa devi scrivere a cs@indie-eye.it

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Simian Ghost il video di Never Really Knew diretto da Dan Huiting

Il nuovo video degli svedesi Simian Ghost ha un finale degno di "vianello-mondaini", Never Really Knew diretto da Dan Huiting

Dope Body, Weird Mirror, il nuovo video: premiere Italiana su indie-eye.it

Nuovo video per i Dope Body tratto dal loro recente e devastante Natural History

The Next Day, il nuovo video di David Bowie diretto da Floria Sigismondi

Terza clip video dal nuovo lavoro di David Bowie, è il turno della title Track, The Next Day realizzato ancora una volta da Floria Sigismondi, ma la vera autrice è Marion Cotillard, i dettagli...

Steve Lippman, l’incontro vitale tra musica e filmmaking: l’intervista

Un'approfondita ed esaustiva conversazione con il regista newyorchese Steve Lippman dedicata ai suoi cortometraggi musicali. Abbiamo parlato delle collaborazioni con artisti come Laurie Anderson, Jorge Drexler, Rosanne Cash, Bette Midler, Esperanza Spalding, Valerie June e molti altri. Uno sguardo vitale sull'incontro tra la musica e l'arte di fare film

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015