sabato, Gennaio 28, 2023

Nadàr Solo – Fame: la recensione

Libertà, insoddisfazione, precarietà, temi gettonatissimi dal contesto indipendente italiano, a volte fotografia bruciante di un’esistenza condotta sul filo, più spesso maniera che denuncia un clamoroso vuoto di idee, tempo perso dietro al niente. Nel caso dei Nadàr, la banalità adolescenziale dei testi non riesce a passare in secondo piano, complice un sound fastidiosissimo, che recupera fuori tempo massimo una muscolarità cross-over incerta, a tratti contaminata casualmente con quello che c’è: wave, afrobeat (la vita funziona da se, non volevo), indie rock dei più banali, il solito cantautorato (Cara madre) più come scusa che come richiamo alle radici. Non si riesce a capire a chi si rivolga questo tipo di musica, a quale ascoltatore se non quello immaginato come “target” che non esiste più, perché la realtà raccontata è quella a rischio banalizzazione degli slogan senza spessore, dove la musica segue a ruota. Anonimi, superficiali. Da dimenticare

Stefano Bardetti
Stefano Bardetti
Stefano Bardetti, classe 1974, ascolta musica dai tempi appena precedenti al traumatico passaggio da Vinile a CD; non ha mai assimilato il colpo e per questo ne paga le conseguenze.

ARTICOLI SIMILI

GLOAM SESSION

spot_img

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img