sabato, Ottobre 1, 2022

Ono – Salsedine: la recensione

Ono è il progetto di Cesare Barbieri, Edoado Gobbi, Matia Santoni, Lorenzo Gobbi. Salsedine, il primo album sulla lunga distanza, è una raccolta di ricordi legati alla “mitologia dell’infanzia” tenuta insieme dal solito, consunto, ricorso al post moderno del post moderno; dev’essere una questione anagrafica e la proliferazione delle lauree triennali è sicuramente un’aggravante: intellettuali di massa tolti ai lavori socialmente utili. Non è sufficiente raccontare a mezzo stampa il disinteresse nei confronti di qualsiasi intellettualismo, rivendicando toni colloquiali e diretti; Salsedine è un disco noiosissimo e obbliga allo skip compulsivo . L’area espressiva è quella di Massimo Volume, Offlaga Disco Pax, Uochi Toki uno stigma pesantissimo. Poetry slam de noantri che punta alla superficie ma non la scalfisce quasi mai, perché nel tentativo di raccontare storie quotidiane, dubbi della post-adolescennza, mitologie letterarie, esperienze mnestiche e sensoriali, il risultato è esattamente opposto alle intenzioni: la Recherche for dummies. Certi flussi di coscienza sarebbe meglio esprimerli in privato,  si salva “La musica elettronica” con un groove che rievoca i Wings di Goodnight Tonight e un bellissimo testo deficiente. Meglio la spagna finta di McCartney e tutti gli esotismi artificiali annessi, meglio il rock fm di una volta.

Perec – Il videoclip

Piero Certini
Piero Certini
Piero Certini si è laureato in letteratura anglo-americana con una tesi su Raymond Carver. Ama tutta la musica pop e crede che tra questa e un romanzo non ci siano grandi differenze.

ARTICOLI SIMILI

GLOAM SESSION

spot_img

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img