mercoledì, Settembre 30, 2020

Sweet Sweet Moon: l’intervista @ indie-eye.it – Europavox: Clermont-Ferrand 27 Maggio 2012

Indie-eye @ Europavox – Leggi anche:

Anna Aaron intervista in esclusiva
Woodkid, l’incontro a Europavox

[ Le foto dell’articolo sono di Christian Pitschl ]

Sweet Sweet Moon sul palco si muove con disinvoltura, piegando il suo violino a milleuno usi più o meno ortodossi, mescolandolo a una buona dose di synth, distorsioni e ricreando un suono pieno ed orchestrale grazie al lauto impiego del suo più fedele compagno, come lo definiscono i suoi mecenati della Siluh Records: il loop pedal. Di persona è invece schivo e finanche un po’ discolo. Quando lo incontro nel backstage del festival Europavox fatica un po’ a dischiudersi ai doveri promozionali. Di formazione classica, Matthias è passato dal sound ovattato delle sue prime ballad acustiche, raccolte nell’EP Pompidou, ad atmosfere decisamente più ambiziose, in cui gli archi e l’elettronica rincorrono un folk impressionistico tutt’altro che convenzionale. La scorsa estate il video di una sua esibizione dal vivo del pezzo I See Things That You Don’t See And That Is Blue, Blue, Black And Dylan (dedicato a un quadro che l’amico Patrick mi dice di aver realizzato per Matthias ispirandosi a Dylan Thomas) su YouTube guadagnava in breve tempo qualche centiaia di migliaia di visite, attirando nuovi estimatori incuriositi dal suo stile vocale, un po’ scapestrato in quella sua libertà freak. Oltre a un prevedibile Owen Pallett c’è anche Beirut nel novero dei facili accostamenti: non è un caso che Matthias abbia inciso un’elegante cover di My Night With The Prostitute From Marseille. Nell’attesa del primo LP, in cui la recente direzione della sua musica apparirà certamente più chiara, l’abbiamo incontrato per darci qualche dritta.

Quando nasce il progetto Sweet Sweet Moon?
Il mio progetto musicale è iniziato tre anni fa. All’inizio era solo chitarra e voce: canzoni d’amore, principalmente. Poi ho recuperato la mia passione per il violino e ho iniziato a lavorare con il loop. Da strettamente acustica la mia musica si è spostata in territori più elettronici.

Quando hai iniziato a studiare il violino?
Ho iniziato a studiarlo a dieci anni, ma componevo già i miei primi pezzi da bambino, a quattro o cinque anni!

Il tuo primo disco, l’EP Pompidou, è suonato interamente da te…
Sì, ho suonato io tutti gli strumenti, ma un amico mi ha aiutato nelle registrazioni. Non sapevo ancora bene come occuparmi della componente elettronica o del lavoro di registrazione. Pompidou trae in parte ispirazione dalla Francia, di certo, ma mi piaceva molto semplicemente il suono della parola.

Che mi dici invece di I Love Your Mum! ?
Oh, è il mio primissimo disco, interamente autoprodotto. Anche lì suono io tutti gli strumenti e mi sono occupato anche della copertina. Ne sono uscite a malapena 20 copie.

In sostanza possiamo definire Sweet Sweet Moon una one man band?
Sì, sono principalmente io. Scrivo i testi, compongo le musiche. Qualche volta dal vivo altre persone sono coinvolte, di solito degli amici. Spesso mi accompagna il violoncello. Ci sono anche dei progetti per il futuro: una band con la batteria, il basso e la chitarra.
Sul sito della tua etichetta il tuo lavoro viene accostato a quello di Owen Pallett. Il paragone viene quasi automatico.
Beh, di certo impieghiamo la stessa tecnica: violino e loop pedal. Non sono sicuro di quanto ci si possa spingere nel paragone. Al momento non so a cosa lui stia lavorando… (continua alla pagina successiva…)

Giuseppe Zevolli
Giuseppe Zevolli
Nato a Bergamo, Giuseppe si trasferisce a Roma, dove inizia a scrivere di musica per Indie-Eye. Vive a Londra dove si divide tra giornalismo ed accademia.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Parquet Courts – Almost Had To Start A Fight / In And Out Of Patience – il videoclip di Philip Laslett

Il talentuoso grafico Philip Laslett si cimenta con il videoclip per i Parquet Courts. Tra punk e Saul Bass

Lanno – “La materia oscura”: il brano e il videoclip di Giuseppe Lanno. Esclusiva Indie-eye

Lanno. Moniker di Giuseppe Lanno come musicista. Il videomaker palermitano di stanza a Bologna pubblica tre singoli, estesi nei rispettivi video. Dopo "Caldo" e "Per sempre", indie-eye presenta in anteprima esclusiva il video de "La materia oscura".

Daft Punk – Instant Crush: il video diretto da Warren Fu

Nuovo video di Warren Fu per i Daft Punk

Kittone! Sivan Kidron dirige un capolavoro d’animazione per Kaho Nakamura

Sivan Kidron, straordinaria animatrice 2D, dirige un vero e proprio capolavoro per la postar giapponese Kaho Nakamura. Kittone!

Ellie Roswell dei Wolf Alice dirige e interpreta il videoclip di “Space and Time”

Ellie Roswell dei Wolf Alice nella parte di una sposa in "fuga" nel nuovo video della band girato e diretto dalla front girl insieme a Brian Petchers in una caratteristica e coloratissima Portland

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015