Indie-eye – VIDEOCLIP – Storia e Critica dei Video Musicali

I Pussywarmers per il loro terzo disco cambiano etichetta e collaborano con Réka, musicista ungherese, ma ciò che non cambia è la qualità e l'attitudine della loro musica, basata su ottime melodie e su una sarabanda di suoni, dal garage rock al vaudeville 

Di

Gruppo svizzero del Canton Ticino attivo già da qualche anno sotto l’egida della gloriosa Voodoo Rhythm di Reverend Beat Man, i Pussywarmers tornano in questo 2014 con il loro terzo disco, che porta con sé alcune novità sostanziali. La prima cosa che salta all’occhio e all’orecchio è che questa volta si fanno accompagnare dalla voce e dalle melodie di organo di Réka, musicista ungherese con studi jazzistici proprio in terra svizzera. La seconda è che l’etichetta che fa uscire l’album è la Wild Honey Records, la label dei Mojomatics che già accolse dei transfughi della Voodoo Rhythm, quei Movie Star Junkies che mettono lo zampino anche in questo disco, grazie all’aiuto in fase di registrazione di Nene Baratto, il bassista della band.
Queste novità non portano però grandissimi stravolgimenti nel suono e nell’attitudine della band, il che è assolutamente positivo: la formula proposta dagli svizzeri è infatti ormai ben collaudata e sarebbe un mezzo delitto snaturarla. Quello dei Pussywarmers è un garage-country-rock sui generis, trascinato con ironia e tanta consapevolezza in territori a metà tra il vaudeville, la mitteleuropa brechtiana e certe melodie anni ’60 (o meglio, eterne), capace di conquistare e lasciare il segno colpendo al primo ascolto con la semplicità e poi crescendo di volta in volta con la scoperta di tanti piccoli dettagli e sfumature.
All’interno di questo disco, così come dei precedenti, ci sono ottime canzoni, che spesso partono da melodie semplici ed accattivanti (fantastica ad esempio quella che contraddistingue Young Men Living, che sembra uscita dalle teste dei Beach Boys) e poi prendono pieghe ubriache ed inaspettate, sempre divertenti e a fuoco, dall’aria di valzer che si respira in Under The Sea a quella un po’ inquietante da b-movie di Sunrise 2 e There Are Always Two Answers, dai suoni da sala da ballo della morte di Feeling Of Death a quelli sunshine pop disegnati dall’organetto di Réka in Fading Out fino al songwriting alcolico di Something You Call Love.
Un’altra ottima prova quindi per i Pussywarmers, quello che in politica chiamerebbero “cambiamento nella continuità”, ma che noi chiamiamo semplicemente “bella musica”, e tanto basta.

The Pussywarmers and Réka
I Saw Them Leaving

Wild Honey Records, 2014 | garage rock, alt-country
TRACKLIST:

Under The Sea | Sunrise 2 | Looking Over | Feeling Of Death | There Are Always Two Answers | Fading Out | This Town | Young Men Living | Something You Call Love | I Saw Them Leaving

 

Fabio Pozzi

Fabio Pozzi

Fabio Pozzi, classe 1984, sopravvive alla Brianza velenosa rifugiandosi nella musica. Già che c'è inizia pure a scrivere di concerti e dischi, dapprima in solitaria nella blogosfera, poi approdando a Indie-Eye e su un paio di altri siti.