sabato, Settembre 26, 2020

Ty Segall Band – Slaughterhouse (In The Red Records, 2012)

Incredibile la prolificità del giovane virgulto del nuovo garage rock californiano Ty Segall: non fai in tempo a segnalare l’uscita di un suo nuovo disco (è di pochi mesi fa la recensione su Indie Eye dell’album licenziato insieme a White Fence), che eccolo subito fuori con l’ennesimo progetto. Questa volta il nostro aggiunge il suffisso “Band” al nome e cognome, come a voler ribadire che i suoi più che collaudati sodali (tra tutti quel Mikal Cronin autore di un debutto solista su Trouble In Mind Records dell’anno scorso che ha fatto ben  parlare di sé) sono ormai un gruppo a tutti gli effetti. Ascoltando questo nuovo Slaughterhouse l’impressione di coesione e rocciosità che danno i quattro è effettivamente notevole; ciò che ne vien fuori sono 11 tracce che hanno ben poco a che fare con i precedenti lavori di Segall, ovvero il già citato Hair e Goodbye Bread. Se infatti, soprattutto in Goodbye…il sound virava verso lidi maggiormente cantautoriali, vicino a certe cose del buon vecchio Neil Young, placando in qualche modo le asperità lo fi e garage punk che avevano caratterizzato le precedenti uscite, in questa nuova fatica tutto è clamorosamente high energy, amplificato ed elettrico, veloce ed anfetaminico. Il problema è che si finisce per assomigliare in maniera quasi imbarazzante al gruppo dell’amico e collega John Dwyer (Thee Oh Sees). Stessa frenesia kraut space motorizzata all’eccesso, stesso gusto per la jam sintetica, stessa furia controllata ad arte; in più Ty ci mette un’energia proto hard punk sull’asse MC5-Stooges (Mary Ann, That’s The Bag I’m In), un paio di chicche melodiche sfuggite al suo vecchio repertorio che profumano ancora di Sixties (I Bought My Eyes, Tell Me What’s Inside Your Heart) ed una cover azzeccatissima del re Bo Diddley (Diddy Wah Diddy, tanto per far capire da dove si viene). È un baccanale di fuzz, distorsioni, schegge punk belle marce, quasi un retaggio dei conterranei Germs (la title track), chitarroni, orge di feedback e caotici rumorismi (la conclusiva ed emblematica sin dal titolo Fuzz War) in cui, siamo certi, i nostri si saranno divertiti da matti a sguazzarci dentro. L’impressione finale è proprio quella di un divertissement ben riuscito, in attesa dell’ennesimo disco solista di Segall, in uscita questo Autunno.

Denis Prinzio
Denis Prinzio
Denis Prinzio è bassista di numerose band underground ora in congedo temporaneo, scribacchino di cose musicali per sincera passione, la sua missione è scoprire artisti che lo facciano star bene.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Kaki King, No true Masterpiece will ever be complete – il video

No true masterpiece will ever be complete, il nuovo video di Kaki King e la tournee celebrativa per i dieci anni dal primo full lenght...

Sophie Ellis Bextor: love is a camera, il nuovo video girato a Firenze

Il nuovo video di Sophie Ellis Bextor è interamente girato a Firenze

Brother si scrive BRTHR: l’arte di Alex Lee e Kyle Wightman

La recentissima uscita del nuovo video di Ben Khan intitolato "Youth" è l'occasione per ripercorrere la carriera di una coppia di videomaker tra le più intelligenti e stimolanti del panorama attuale legato ai music video; si scrive BRTHR, si pronuncia Brother.

David Bowie – i’d rather be high: ecco il video ufficiale diretto da Tom Hingston

Nuovo video per David Bowie diretto dall'artista e illustratore Tom Hingston

Fakear – Skyline: il video di Jamie Delaney

Fakear - Skyline: il video di Jamie Delaney

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015