venerdì, Settembre 25, 2020

Erik Levander – Kondens

erik_levander_kondens.jpgErik Levander ha impiegato 4 anni di lavorazione per ultimare il suo ultimo full lenght in uscita il prossimo 17 marzo, complice un hard disk spaccato, nessun backup e una pazienza certosina nel rimettere insieme tutti i pezzi. Kondens esce per Rumraket e include la collaborazione di un buon numero di musicisti tra cui ovviamente gli Efterklang al completo. La produzione precedente di Erik, fatta di cd-r, ep, samples ben si riassume nel non facilmente reperibile Tonad, pubblicato per Neon nel 2004, strano ibrido tra l’emotività di Fennesz e un approccio glitch assolutamente non normativo. Ma è la parola glitch che convince poco, soprattutto se utilizzata per riferirsi a un genere o ad un tipo di elettronica che tra rotture, interruzioni e difetti, ha al contrario costituito un percorso, anche ritmico, ben riconoscibile e con degli standard angusti. Kondens non c’entra niente con tutto questo, è un percorso complesso e stratificato di rara bellezza; un vero e proprio viaggio cinematico, dove l’aggettivo, anch’esso abusato fino al vomito, ha il senso di un’attenzione precisa al tessuto compositivo come elaborazione del movimento. E’ un notevole passo in avanti per l’artista Svedese, e in un certo senso risente dell’approccio classico contemporaneistico delle tracce più espanse di Efterklang, ma con una tendenza alla manipolazione della forma acustica pura in una deriva rumorista dalla sostanza orchestrale; le reminescenze post-romantiche e tutto il campionario culturale di certa musica dei primi del ‘900 è la forza maggiore di Kondens, basta dare un ascolto attento a Hitta Hem e Tribut, due tracce opposte e allo specchio nel deformare una la forma liquida della performance pianistica e l’altra nel portare ad una conseguenza estrema e rumorista lezioni ambient originarie. Questo ibrido oscuro e romantico procede con una costruzione che potremmo definire quasi melodica, nei termini in cui la ripetizione di patterns, intarsi ritmici, difetti della percezione auditiva, concorrono a creare una narrazione orchestrale e movimentata. E’ il caso di tracce come Oskarpa, la brevissima e bellissima Manen Vikar che parte da un clarinetto distante e approda ad un generatore di funzioni riverberando il frammento in milioni di melodie possibili. Vid Fonstret rielabora alcune suggestioni folk e un’eco di Koto music nel corpo di uno strano mostro tecnologico, tenuto in piedi da field recordings, drones dalla consistenza quasi tragica che fanno da introduzione per i cori suggestivi e antichi di Kvad nel punto di contatto più forte con l’estetica Efterklang, questo brano è il il sistema d’attrazione maggiore per comprendere le tessiture di Kondens, una piccola tragedia pop raccontata con la visione di un notevole manipolatore di suoni e tradizioni.

Redazione IE
Redazione IE
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it || per l'invio di comunicati stampa devi scrivere a cs@indie-eye.it

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Luci di Wood – La Zanzara, il videoclip di Saiara Pedrazzi

La Zanzara, il primo videoclip dei Luci di Wood, diretto da Saiara Pedrazzi

Camel Power Club – il videoclip di Change It All diretto da Adam Rose-Levy

Un uomo albero incontra la figlia per il weekend e la porta con se in un viaggio formativo per il sud della California. La nuova elegia on the road di Adam Rose-Levy per Camel Power Club

Fanfarlo – Cello song: il video di Ewan Jones Morris

Ewan Jones Morris, motiongrapher di talento, dirige il nuovo video per Fanfarlo

Settembre, lenzuola blu. Il video di Angela Cicchetti e Ivan Imperiali

I Settembre, ovvero Angela Cicchetti e Ivan Imperiali, auto-realizzano il video di "Lenzuola Blu"

Ekat Bork – Kontrol: il videoclip di Marco Cordaro & Ekat Bork

Ekat Bork, multiforme artista siberiana realizza insieme a Marco Cordaro il video di "Kontrol", singolo dal suo omonimo EP. Tra organico e inorganico è una visione letteralmente cannibalica.

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015