lunedì, Aprile 12, 2021

Verner – Fiori dal limbo: la recensione

Una finestra e sei copertine intercambiabili attraverso altrettante card illustrate da Mara Cerri e contenute nel packcaging di “Fiori dal limbo”, il secondo album di Verner, apolide Bolognese (le sue origini sono Campane) 12 bozzetti sintonizzati con lo stile della talentuosa illustratrice/pittrice, un realismo magico, quasi lowbrow dove l’elegante pastosità dei colori dischiude la porta del sogno in un viaggio che è verso i ricordi, l’infanzia e una pittura che non abdica mai alla perfezione algida del digitale. Il nesso con il cantautorato lieve ed acustico di Verner è chiarissimo, perchè “Fiori dal Limbo”, anche se le incursioni elettriche sono più presenti rispetto all’esordio, allarga lo spettro sonoro introducendo nuovi strumenti (violoncello, pianoforte, synth) che riescono a mantenere la chiarezza “acustica” del discorso narrativo. Sul piano compositivo Verner assimila la lezione della musica italiana dell’ultimo decennio con originalità e sopratutto semplicità, dote rarissima, e che a tratti ricorda la leggerezza del defilato Nino Bonocore, da cui desume il modo di raccontare le cose. Senza mezzi termini brani come Giorni di riposo, Inutili verità, Sono un temporale, Questa è la mia terra, sono piccoli capolavori, capaci di tradurre l’ispirazione che arriva da Nick Drake, senza imitarlo (anche questa, dote rarissima) e traducendo il tutto in una contagiosa malinconia italiana.

Stefano Bardetti
Stefano Bardetti, classe 1974, ascolta musica dai tempi appena precedenti al traumatico passaggio da Vinile a CD; non ha mai assimilato il colpo e per questo ne paga le conseguenze.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img