lunedì, Settembre 28, 2020

Strane illusioni: Edmond, di Stuart Gordon

La presenza Mametiana è una premessa sconcertante per lo zoccolo duro dei sacerdoti del culto Gordon, dediti alla ricerca di radici Lovecraftiane distillate al 100% in ogni sua nuova uscita. Eppure, per chi ha visto il precedente film del regista americano, il sottovalutato King of the ants, Edmond non può non esser considerato come la naturale evoluzione del suo cinema, Mamet incluso, che con il nostro aveva collaborato sin dai tempi dell’Organic Theater Company, nei primi anni settanta. Una discesa a spirale nell’orrore mentale e nella sua progressiva trasmissione attaverso gli oggetti, i gesti e una casualità tutta Ulmeriana (penso a Murder is My Beat e a Strange Illusion) nell’annegare un individuo in un bagno di segni, icone, specchi e premonizioni è il movimento inesorabile di tutti e due i film; ma mentre King of the Ants cercava ancora l’idea di mutazione nel simulacro dell’incubo e nel corpo violentato di Chris McKenna accentuando la visibilità delle ecchimosi, quì è sufficiente la performance subliminale e sublime di William H. Macy per costruire un film su coordinate certamente Mametiane (l’inferno sotterraneo di Homicide) ma genuinamente a là Gordon. La scorciatoia splatter è storia vecchia, Edmond è un piccolo film da camera realizzato entro i margini di un set claustrofobico con i mezzi funzionali, ma del tutto apparenti, di un certo didascalismo verbale. La parola è il solito trucco Mametiano che allontana dalla conoscenza; non è assolutamente connotativa, casomai un’architettura di arguto nonsense che funziona da deriva per l’immagine stolida di Gordon; superficie dura, agghiacciante, spietata, capace della stessa ricchezza di senso di un film come Spider di David Cronemberg; l’irrappresentabilità della follia. William H. Macy si separa bruscamente dalla moglie e intraprende la sua discesa geometrica nelle trappole del vizio. La sua incapacità di stare al gioco è un tentativo di riconfigurazione delle regole sociali in un modo molto simile alla violenza cieca filmata da John McNaughton nel bellissimo “The Borrower” (da noi, il Tagliatore di Teste). Nel film di McNaughton l’alieno serial Killer produce immagini di orrore e violenza dipingendo sangue su uno sfondo urbano iperrealista; Edmond di Mamet/Gordon al contrario appiattisce i corpi cancellando gli sfondi e si concentra su oggetti, gesti, tracce materiali sospese nel vuoto della mente. Quando Bokeem Woodbine, il compagno di cella di Edmond, chiede di succhiarglielo, la camera spinge William H. Macy verso un angolo della cella e lo cattura in una soggettiva crudele dominata dagli occhi azzurri e pieni di terrore di Edmond in un’immagine opaca e terribile. Su Edmond, in conferenza stampa a Venezia 62, si è puntato al solito sui danni del liberismo, si è chiesto a Gordon cosa pensasse di Bush, si sono imbastiti i consueti dettagli da cronaca di colore, e cuciti gli equilibrismi dei soliti critici per metà intelligenti che hanno amato il Clooney di Good Night and Good Luck e che non fanno distinzione tra il testo e l’immagine (JLG)

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Zinc – Show Me: il video di Price James con Aya Sato

Zinc chiama Pice James per il video di Zinc, ballato dalla splendida Aya Sato

Cocosuma – Miracle Man, il video diretto da J-A-C-K

Miracle Man è il video legato al nuovo singolo dei Cocosuma

Marco Masini – Il confronto: Online il videoclip diretto da Gaetano Morbioli

Il Confronto è il nuovo videoclip di Marco Masini, diretto da Gaetano Morbioli. Karmamasini. In slow motion

Videografie, gli autori, i videoclip e le interviste su indie-eye videoclip

Videografie, l'archivio di indie-eye che raccoglie le interviste e i contenuti che approfondiscono la produzione dei migliori registi di videoclip in circolazione. Scopri chi sono gli autori.

Gravity, il video. La nuova collaborazione tra Paul Weller e Johnny Harris

Gravity, il nuovo video di Paul Weller diretto dall'attore britannico Johnny Harris. Tra luci e rifrazioni, la gravità leggera dell'amore

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015