lunedì, Marzo 1, 2021

Ingrid Pegoraro, tra sperimentazione e videoclip

Ingrid Pegoraro sta realizzando alcuni video molto interessanti per band del contesto indipendente itlaiano, ma il suo background è quello della sperimentazione sinestetica tra suono e immagine. La sua è una "cimatica" confidenziale e meno scientifica, legata a sinusoidi emozionali e al mondo floreale.

Laureata presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia nel 2020, Ingrid Pegoraro affronta un percorso incentrato sullo studio della composizione, con particolare attenzione alla forma, i fenomeni luminosi, la sezione aurea e la natura. Illustratrice e animatrice mette al centro della sua ricerca i fiori: “La mia passione è cominciata in Messico – ci ha detto – paese circondato dalla natura, dove i fiori mi hanno insegnato a comunicare un’emotività molto precisa

Con uno stile minimalista e caratterizzato da segni puliti, Ingrid predilige il bianco e nero, ispirandosi alla filosofia di Jagadish Chandra Bose, “Il creatore del crescografo – ha specificato – una macchina in grado di individuare lo stato emotivo delle piante

C’è una cura botanica anche nel lavoro tra sound design e documentazione realizzato durante la quarantena. écoute raccoglieva infatti le testimonianze di diverse persone rispetto al periodo di isolamento, facendo letteralmente fiorire il loro piccolo mondo in un ecosistema più complesso. Le voci diventano suono, ma anche immagine animata, come negli esperimenti tra suono, materia e grafemi di Tanya Harris con le sue incursioni nella cimatica, ovvero lo studio degli effetti morfogenetici delle onde sonore

Suono, colore, movimento, sono quindi le caratteristiche che influenzano il lavoro sperimentale della Pegoraro e in questo contesto si situa l’omaggio a Gertrud Grunow. Così mentre ne celebra le teorie sull’armonizzazione, si inventa un ambiente meditativo audiovisivo con l’iuto di Samuele Nestola (aka SMET) per la parte di sound design.

Evoluzione di questa dimensione animata sinestetica è il lavoro con lo stop motion, sperimentato per il videoclip di “Feel like home”, nuovo singolo del cantautore Marco Silvestri. Storia d’amore affrontata con il consueto minimalismo della forma e l’attenzione al mondo floreale.

Ingrid Pegoraro su instagram

Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

Creatività
Originalità
Sperimentazione
Esperienza

IN SINTESI

Ingrid Pegoraro sta realizzando alcuni video molto interessanti per band del contesto indipendente itlaiano, ma il suo background è quello della sperimentazione sinestetica tra suono e immagine. La sua è una "cimatica" confidenziale e meno scientifica, legata a sinusoidi emozionali e al mondo floreale.

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Thot – Odra – il videoclip dell’artista francese Arthur Shelton

L'Oder (in ceco e in polacco Odra, in tedesco Oder) è un fiume dell'Europa centrale che attraversa la Repubblica Ceca, la Germania e la Polonia e sfocia nel Mar Baltico presso Świnoujście. I Thot gli hanno dedicato un brano e Arthur Shelton ha diretto per loro questo pessimo videoclip

Cina, Vietnam, India: Chiudete i Wet Market per la salute di tutti. Il video shock

Animal Equality pubblica un video shock sui "Wet Market" in Cina, Vietnam e India. Animali selvatici vivi in cattività, macellazione e vendita sul posto, condizioni igieniche precarie. La nostra attenzione costante ai contenuti audiovisivi ci ha convinto a pubblicarlo. L'associazione internazionale a difesa dei diritti degli animali chiede all'ONU la chiusura dei "mercati umidi", causa di proliferazione di agenti patogeni, tra cui probabilmente anche il virus SARS-CoV-2

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015