venerdì, Settembre 25, 2020

Le Sonore Colonne di Alberto Nemo: il silenzio e i vuoti dell’immagine

Sonore Colonne è il nuovo progetto tra musica e immagine movimento, ideato e curato da Alberto Nemo. Conduce oltre le aspettative della pictura vocalis che caratterizza la sua musica, vero e proprio disegno emerso dalla voce sulla base del tappeto sonoro preposto. L’artista rodigino, indagatore dello spirito e di tutte le forme che conducono alla contemplazione, fissa la visione come punto di partenza e di arrivo. La musica serve allora per attivare un dimensione sensoriale e psichica che produca nell’ascoltatore un’esperienza mnestica.
Il progetto Sonore Colonne è in fondo molto vicino alla Pittura Vocale di Nemo, pur partendo dalle immagini del patrimonio cinematografico preesistente, alla ricerca di un silenzio da riempire nei vuoti dell’immagine.  Alberto Nemo, nato a Rovigo, Ha condiviso il palco con artisti del calibro di Procol Harum, Antonella Ruggiero e Sergio Cammariere, ma anche con artisti indipendenti come Lo Stato Sociale e Willy Peyote, annullando completamente il divario tra musica pop, colta e sperimentale e dimostrando che tutto può coesistere. Proprio la coesistenza è la chiave del suo lavoro. Magia e realtà, semplicità e avanguardia, minimalismo e ricerca convivono in maniera incredibilmente naturale all’interno della sua opera. Artista sensibile e completo, ha diretto anche un video per i Devocka. Ha partecipato alle Blind Audition di The Voice, con una splendida versione di Amore che Vieni, amore che Vai, di Fabrizio De Andrè.

 

Alberto Nemo – Luci (immagini da Nostalghia di Tarkovskij)

Alberto, raccontaci il progetto “sonore colonne”, come nasce e di cosa si tratta?

Sonore colonne è un progetto iniziato a maggio di quest’anno. Si tratta di una ricerca artistica e culturale alla quale tengo molto. Il fine è quello di “rispolverare” capolavori del cinema del passato per portarli nel presente attraverso la mia musica. Ad oggi le sonore colonne sono 21.

Quanto si avvicina ad un processo di rimusicazione o sonorizzazione di immagini e quanto si allontana da esso?

Sono andato quasi sempre a riempire il silenzio di alcune sequenze di film in cui non c’era dialogo o musica. Questo ha reso possibile l’introduzione di un brano cantato con una sua struttura precisa. Quello che nasce è una nuovo lavoro, non una rimusificazione o sonorizzazione, è un “matrimonio” tra due opere.

hai scelto alcune sequenze da registi che hanno lavorato con il tempo e lo spazio dell’immagine: Tarkovskij, Antonioni, ma anche con titoli apparentemente più mainstream come “I pirati dei Caraibi” di Gore Verbinski. Ci spieghi come lavori sulla sequenza e come la abbini alla musica?

I brani musicali nascono senza alcun riferimento didascalico ad una precisa sequenza. Una volta realizzati, cerco la scena che possa sposarsi con loro. Proprio questa estraneità delle parti produce infine il risultato che potete vedere e ascoltare sul mio canale Youtube. Non c’è la sudditanza di un elemento rispetto all’altro, né un intento descrittivo, sono due opere che si uniscono creandone una terza. In alcuni casi la sequenza è stata elaborata per meglio adattarsi, ma si tratta sempre di piccoli interventi. Visto che oggi le persone debbono stare a distanza almeno le opere d’arte, ora, possono incontrarsi e creare nuova bellezza.

Come hai risolto la questione dei diritti d’autore e connessi per questo progetto?

La questione è certamente complessa e laboriosa. Abbiamo inoltrato le richieste necessarie per poter utilizzare i filmati all’interno di una mostra.

Da cosa si differenzia rispetto ad un videoclip tradizionale il processo di creazione di una clip per “Sonore Colonne”?

Un videoclip nasce sulla scia di un pezzo, una sonora colonna invece dalla suggestione di un’immagine. È il procedimento inverso a quello usato da Stanley Kubrick quando sceglieva le musiche per i sui film. Sosteneva che non era necessario crearne altre dato che ne esistevano già tante. Nel mio caso questo accade con le immagini, a che serve girarne altre quando esistono tanti capolavori spesso dimenticati?

Alberto Nemo su youtube

Alberto Nemo, il video di Smania su Indie-eye

Alberto Nemo, il video di Discanto su Indie-eye

Il Sound esoterico di Alberto Nemo (redazionale su indie-eye)

Siamo Già Finiti, il videoclip diretto da Alberto Nemo per i Devocka

 

 

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Lo stato sociale – c’eravamo tanto sbagliati: il video di Gugliemo Trautvetter

Il talentuoso staff di Studio Croma realizza il nuovo video per "lo stato sociale"

The Killers – Land of the Free: Il video di Spike lee filmato al confine tra U.S.A. e Messico

Land of the Free è "a Spike Lee Joint". Il video diretto dal regista afroamericano per The Killers al confine tra Stati Uniti e Messico.

I migliori videoclip del 2013 per i lettori di indie-eye: ecco il vincitore del contest

Ecco la top ten dei migliori videoclip del 2013 scelti dai lettori di indie-eye; il vincitore del contest

Robyn Hitchcock & Andy Partridge: Turn Me On, Deadman, il videoclip immaginario

Turn me on, Deadman. Eccitami, uomo morto. La traccia d'apertura di "Planet England", splendido lavoro a quattro mani firmato da due talenti della musica britannica, Robyn Hitchcock & Andy Partridge, ci ha spinto a inventare un videoclip immaginario.

Night Skinny ft. Noyz Narcos, Marracash, Capo Plaz – “Street Advisor”, il video del collettivo No Text Azienda

Scorie di bombardamenti intermediali. "Street Advisor", nuovo splendido video per il collettivo No Text Azienda, girato per Night Skinny, primo estratto dal nuovo album "Mattoni"

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015