Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

Ammore e malavita dei Manetti Bros. la conferenza stampa a Venezia 74 

Di

Ammore e malavita dei Manetti Bros., Italia / 134’ in concorso a Venezia 74 – la conferenza stampa

Cast: Giampaolo Morelli, Serena Rossi, Claudia Gerini, Carlo Buccirosso
Sceneggiatura: Michelangelo La Neve, Manetti Bros.
Musica: Pivio & Aldo de Scalzi
Fotografia: Francesca Amitrano
Montaggio: Federico Maria Maneschi
Scenografia: Noemi Marchica

Ammore e malavita è un film / musical diretto dai Manetti Bros. Racconta la storia di don Vincenzo, “’o re d’o pesce”, un temuto boss, dei due killer al suo servizio e di donna Maria (Claudia Gerini) la moglie del boss. Cast e registi raccontano Ammore e malavita in conferenza stampa a Venezia 74.

Prima domanda per i registi Marco e Antonio Manetti.
Raccontare una Napoli sopra le righe è il modo migliore per parlare della città.. siete daccordo?

Marco Manetti:
Napoli è una città dalle forti emozioni, alcune brutte alcune molto belle e positive è sempre sopra le righe.

Fin dal titolo “Ammore e malavita” volevamo restituire queste due anime della città. 

Penso che ci sia troppa negatività intorno a Napoli come se questa città fosse solo Scampia e Gomorra. Siamo pieni di film e serie tv che raccontano una città cupa, triste e noi volevamo fare un film diverso.

Antonio Manetti:
Napoli ha tantissime cose positive non è solo malavita e criminalità, penso che sia la capitale italiana della cultura, del teatro e recentemente anche della musica e del cinema.

per i Manetti Bros.
ho trovato la musica strepitosa, volevo chiedervi come avete lavorato con i bravissimi  musicisti coinvolti in questo progetto

Marco Manetti:
per certi versi, ci sentiamo co-autori delle musiche. Pur non essendo poeti e pur non essendo musicisti abbiamo lavorato a stretto contatto con gli artisti che hanno curato musica e scenografie in questo film.

Abbiamo cercato di trovare un equilibrio tra musical e scene parlate cercando di partecipare al massimo con le nostre idee alla musica e ai testi.

Ci siamo ispirati a Grease che secondo noi è un film perfetto per quanto riguarda l’equilibrio tra la musica e il parlato.

per Claudia Gerini:
sei una romana, come ti sei trovata ad interprepatare questa parte e a parlare in dialetto napoletano?

La prima domanda che il regista Antonio Manetti mi ha fatto è stata se me la sentivo di recitare in napoletano, anzi per la verità mi ha chiesto “come te la cavi con il napoletano“? Per me non è stato un problema, ero sicura fin dall’inizio di riuscire ad interpretare questo personaggio, adoro le lingue e ne parlo molte, volevo recitare con grande naturalezza senza dare la sensazione di parlare in maniera caricaturale. Nel film interpreto la moglie del boss, una donna che viene da umili origini, era importante dare al personaggio il massimo della naturalezza.

Per i Manetti Bros.:
siete stati influenzati dal successo di un film come La La Land?

Risponde Antonio Manetti:
No, non avevamo visto La La Land, è stato un colpo di fortuna che il muscial avesse trovato nuova linfa con quel film. Abbiamo girato e finito di montare tutto Ammore e malavita senza aver visto La la land. Il nostro obiettivo era quello di omaggiare Napoli e la tradizione della sceneggiata napoletana.

Ammore e malavita dei Manetti Bros. prima clip ufficiale:

Manetti Bros.
Ammore e malavita
Italia - 2017

Con Giampaolo Morelli, Serena Rossi, Claudia Gerini, Carlo Buccirosso
Durata 134

 

Marco Pini

Marco Pini

Marco Pini è Editore di Indie-eye.it insieme a Michele Faggi e Alessandro Allori, si occupa di Web marketing, sviluppo web e web 2.0 da più di un decennio, ha una passione smodata per musica e cinema